L'intervento

Risposta all'Unione Camere penali

di Luigi Marini

L’intervento a mia firma che rispondeva al commento di Piero Ostellino del 31 agosto, e che in qualche modo anticipava quanto lo stesso Ostellino ha scritto ancora il 4 agosto, poneva un problema che continuo a ritenere centrale in questa fase: l’indipendenza della magistratura come strumento essenziale per la democrazia e la inaccettabilità di posizioni che raccontano una storia non vera e mettono a rischio lo stato di diritto.

Su questo mi sarei aspettato una grande attenzione dell’avvocatura, che continuo a credere abbia interesse al rispetto delle sentenze e alla dignità della funzione giudiziaria a fronte di accuse strumentali e indimostrate.

Mi si chiede, invece, di dare conto di un passaggio relativo ai referendum che nel mio intervento ho affrontato solo  per segnalare la strumentalità di alcune posizioni che si sono manifestate. Quella strumentalità mi pare indiscutibile; basta ricordare che nei lustri di governo del sen.Berlusconi - e dei molti parlamentari che lo hanno sostenuto nel tempo -nessuno ha pensato seriamente di abolire l'ergastolo mentre sono state emanate o sostenute leggi, in parte bocciate dalla Corte europea, che hanno riempito le carceri di tossicodipendenti, stranieri e povera gente.

Voglio allora rassicurare l'Ucpi: la firma di uno o di altro uomo politico in favore dei referendum radicali non può avere alcuna influenza sulle mie convinzioni. Continuo tranquillamente a pensare che l'ergastolo vada abolito e che il sistema delle pene detentive debba essere cambiato, così come continuo a pensare che in questo Paese vada rifiutata l'idea di separare definitivamente le carriere e di modificare le norme sulla responsabilità civile dei magistrati. Su tutti questi temi mi comporterò di conseguenza.

E certamente non muteranno per un simile motivo l’elaborazione e le posizioni del gruppo che rappresento.

(06/09/2013)


Giustizia: Ucpi su lettera Marini, Md continua a essere contro ergastolo?

No, non siamo profeti. Se abbiamo risposto ieri al presidente di Magistratura Democratica - che oggi ha sentenziato contro la firma di Berlusconi sotto i referendum - trattando Pannella come un sacerdote del credo pecunia non olet – non è per doti di preveggenza e neanche grazie ad una spia dentro il Corsera. No, molto più banalmente era nell’ordine delle cose che la magistratura associata avrebbe cercato di indirizzare le forze politiche, così come avviene da sempre e come ha fatto nel caso di specie, mirando a serrare i ranghi di quegli schieramenti che, come avevamo scritto, orientano la propria linea non in base al merito delle questioni ma per logiche preconcette di contrapposizione. Se – dunque - la risposta del presidente Marini  ad un articolo di Ostellino non stupisce, rimane però da chiedersi quale sia ora il suo pensiero sui temi referendari. Per fare un esempio, avendo adesso Berlusconi firmato il referendum per abolire l’ergastolo, Magistratura Democratica continua ad essere contro l’ergastolo o no?  L’Unione è stata tra i primi promotori dei referendum sulla giustizia, e l’ha fatto anche per sopperire alla paralisi politica indotta dai diktat della magistratura associata che rifiuta la mera ipotesi di discutere di separazione delle carriere, responsabilità civile, fuori ruolo. La lettera in questione ribadisce il diktat e noi, nell’incontro che si terrà giovedì 19 alla Residenza Ripetta  a margine dell’astensione dalle udienze che durerà tutta la settimana, di questo vorremo discutere anche con il presidente di M.D., se vorrà onorarci, dell’ergastolo e di tutto il resto.

Roma, 5 settembre 2013

7 settembre 2013
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.