L'intervento

Carcere: più stelle meno sbarre?

Vorrei arrivare subito alle stelle e alle sbarre evocate dal titolo, ma lasciatemi un secondo per dare pochi numeri  e segnalare che negli ultimi cinque anni si registrano: -9.000 detenuti presenti negli istituti (6.000 solo nell'ultimo anno); +5.700 posti disponibili nelle strutture; -8.500 detenuti in custodia cautelare; +17.000 condannati in regime di misure alternative (per un'analisi dettagliata rinvio all'intervento di G.Torrente pubblicato oggi su Questione Giustizia).

E, guardando al futuro, segnali incoraggianti possono venire dal fatto che per oltre 14.000 detenuti il titolo di reato è quello dell'art.73 del d.P.R. 309/90, per il quale gli interventi della Corte costituzionale e della nuova legge promettono pene meno gravi e meno carcere;  così come sono stimati in 7.000 i detenuti che potranno trarre vantaggio nei prossimi tre semestri dalla c.d. liberazione anticipata speciale. Sono numeri lontani dal condono del 2006, ma sembrano finalmente numeri "strutturali" e frutto di un'idea che può avere sostanza nel tempo.

Perché il tema che abbiamo davanti non è tanto quello di dare "una" risposta alla sentenza della Corte Edu nel caso Torreggiani e altri, per quanto probabilmente senza quella sentenza e senza i richiami del Capo dello Stato le cose in Italia sarebbero oggi diverse. Il tema è quello di modificare l'approccio culturale e gli strumenti di lavoro in modo da rendere le carceri un luogo conforme ai principi fissati dalla Costituzione e dalle  fonti sovranazionali; un luogo conforme a criteri di umanità e non qualificabile come esempio di "tortura".

Meno carcere e più vita è un obiettivo che può essere raggiunto. Perché il sistema carcerario è cambiato, nonostante tutto, da quando ho iniziato il mio lavoro trenta e più anni fa. Un luogo chiuso e separato si è aperto a esperienze nuove, a esperimenti, a forme di lavoro impensabili. Esperienze di nicchia, lo sappiamo, ma nello stesso tempo modelli e storie che hanno conosciuto aggiustamenti, stanno facendo rete e possono essere esportate se solo gli altri istituti recuperassero spazi e opportunità.

"Più stelle meno sbarre" è il titolo di una iniziativa organizzata da Sapori Reclusi che sta portando alcuni cuochi "stellati" a dedicare un pò del loro tempo per cucinare dentro le carceri, per preparare cibi con detenuti e guardie carcerarie e a partecipare a cene di finanziamento fuori e dentro le mura di un carcere. Un carcere dove si produce un'ottima birra artigianale secondo un modello di lavoro che forma mastri birrai, offre ai detenuti un mestiere ricercato e richiama delegazioni dall'estero per capire come sia possibile (guardate il sito di "saporireclusi")

Professionisti, imprenditori, tecnici stanno da tempo arricchendo le opportunità di lavoro e di formazione dei detenuti in tutte le occasioni in cui i carceri lo consentono. Agricoltura e vinicoltura, sartoria, stamperia, servizi .... sono attività che vincono la noia, che creano rapporti positivi, che aprono prospettive per la libertà. Sarà banale, ma i dati sui risultati e sulle recidive dicono che funziona.

Perché queste iniziative non rimangano realtà di nicchia occorrono magistrati di sorveglianza che investono sui progetti, provveditori e direttori che credono e rischiano, personale di sorveglianza che viene coinvolto e dà il proprio contributo. Ma occorrono, prima di tutto, carceri umane, non soffocate dai numeri, non immodificabili nelle strutture, ragionevolmente adeguabili alle nuove esigenze.

Non più carcere nè più carceri, dunque, ma meno carcere e più stelle, più lavoro, più vita di relazione. 

Vogliamo pensare che i cambiamenti di questi ultimi anni siano un segnale che la politica ha capito e che l'amministrazione sta facendo la propria parte. Anche per evitare di buttare in risarcimenti postumi i fondi che potremmo investire in interventi strutturali e preventivi.

(28 maggio 2014)

27 maggio 2014
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017