L'EDITORIALE

di Luigi Marini
"Tempi strani, anzi stranissimi"

di Luigi Marini

ROMA - Leggendo la stampa di questi giorni sui fatti della giustizia ho pensato che viviamo tempi strani.Abbiamo un procuratore della Repubblica che deve astenersi dalle indagini più delicate che il suo ufficio sta trattando, ma la cosa può trovare tranquillanti risposte burocratiche che eludono il tema e lasciano la conduzione delle indagini ad un “suo” aggiunto; abbiamo il capo dell’ufficio ispettivo del ministero che formalmente resta estraneo alle delicatissime attività che il suo ministro avvia, ma la cosa viene definita dal ministro in persona priva di implicazioni negative e tale da autorizzarlo a criticare il Csm che se ne sta doverosamente - e prudentemente - interessando: del resto, anche a qualche magistrato adesso piace l’dea, che tanto abbiamo criticato, che se non ci sono reati in vista tutto diventa lecito anche sul piano politico e amministrativo.

Ma dopo le letture di ieri devo dire che viviamo tempi stranissimi. Un processo genovese per fatti di rilevante gravità del 2001 (caso Diaz) ristagna in Corte di Appello e scivola verso la prescrizione perché da oltre un anno, si legge sui giornali, non si riescono a notificare gli atti a funzionari dello Stato, che si presume noti e reperibili. Sembrerebbe un fatto incredibile, e pensavo che non dovrei meravigliarmi se una qualche organo terzo volesse vederci chiaro.

Adesso leggo che per il presidente della corte di appello le cose non stanno andando in modo allarmante. Effettivamente, in tempi stranissimi anche l’inverosimile diventa normale.

15 ottobre 2011
Ultimi articoli
Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo