L'appello

Dalla parte
della Costituzione

Riceviamo e pubblichiamo:


Noi stiamo dalla parte dell’art. 3 della Costituzione: tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali senza distinzione di sesso….”

 

Esprimiamo profonda indignazione e grande preoccupazione per le offese volgari e sessiste ricevute nei giorni scorsi  da donne che rivestono cariche istituzionali, anche di massima importanza quali la Presidenza della Camera.

 

Il sessismo ha radici in odiosi pregiudizi e arcaici stereotipi, si fonda su logiche di controllo e sopraffazione affatto distanti dai fondamenti della nostra democrazia.

 

Chi ignora decenni di elaborazioni e battaglie  contro la violenza, le diseguaglianze e le discriminazioni ha scelto comunque da che parte stare.

 

Noi stiamo dalla parte opposta  perchè ci riconosciamo nell’art. 3 della Costituzione.

 

IInvitiamo i Comitati di pari opportunità del nostro sistema di autogoverno e dell’Associazione Nazionale Magistrati a mantenere alta l’attenzione sulle discriminazioni di genere.

Silvia Albano
Silvia Bonardi
Anna Canepa
Laura Cocucci
Monia Di Marco
Paola Di Nicola
Eliana Dolce
Donatella Donati
Mariella Esposito
Federica Gaudino
Carla Lendaro
Ezia Maccora
Raffaella Mascarino
Elisabetta Meyer
Donatella Nava
Morena Plazzi
Anna Ponsero
Elena Riva Crugnola
Silvia Russo
Ilaria Sanesi
Amina Simonetti
Lucia Trigilio
Rita Zaccarielo

HANNO ADERITO:

Il Comitato Pari Opportunità dell'Associazione Nazionale Magistrati

L'Associazione italiana donne magistrato (ADMI)

Ferdinando E. Pomarici

Lia Sava

Mimma Miele

Alfredo Guardiano

Ercole Aprile

Margherita Leone

Caterina Interlandi

Lucia Musti

Piergiorgio Morosini

Marco Panicucci

Armando Spataro

Fabio Napoleone

Alba Chiavassa

Tiziana Coccoluto

Valeria Piccone

Francesco Pelosi

Lucio Aschettino

Elisabetta Pierazzi

Giancarlo De Cataldo

Giuseppe Bronzini

Giovanna Ichino

Pasquale Liccardo

Silvia Milesi

Daniela Galazzi

Francesco Del Bene

Vittorio Angiolini

Mariella Fino

Maura Nardin (per la sezione di Magistratura democratica di Sassari)

Roberto Aniello

Orietta Miccichè

Antonio Laronga

Maria Eugenia Oggero

Giuseppe Bronzini

Adriana Piras

Giuseppina Barbara

Raffaele Frasca

Nicola Clivio

Albino Ambrosio

Nello Rossi

Sergio Lari

Giovanni Di Giorgio

Pino Valenti

Mario Spagnuolo

Valentino Lenoci

Mario Fresa

Giovanbattista Tona

Giuseppe Salmè

Paola Ghinoy

Alessandra Camassa

Carlo Brusco

Isabella Mariani

Vito D'Ambrosio

Mario Fresa

Tomasso Cottone

Simone Silvestri

Gabriele Mazzotta

Francesco Aliffi

Antonella Magaraggia

Teresa Liuni

Giovanni Diotallevi

Maria Teresa Spagnoletti

Leonardo Agueci

Giuseppe De Falco

Valerio Fracassi

Fiorella Pilato

Barbara Fabbrini

Stefania Castaldi

Antonella Di Florio

Ornella Galeotti

Alessandra Cataldi

Daniela Rinaldi

Claudio Gittardi

Alfonso Amatucci

Marcello Basilico

Giovanni Tedesco

Marco Guida

Domenico Santoro

Bruno Giangiacomo

Olindo Canali

Fabrizia Pironti

Franco De Stefano

Domenico Gozzo

Dino Petralia

Francesca Coccoli

Raffaella Calò

Mario Suriano

Ilaria Solombrino

Gianfranco Amendola

Giuseppe Airò

Giovanni Tamburino

Raffaele Malizia

Ilaria Cornetti

Olga Tarzia

Antonella Tenerani

Francesco Maisto

Luca Ceccanti

Marco Dell'Utri

Rocco Alfano

Diego Loveri per Unità democratica giudici di pace

Marcello Saladino

Nicoletta Quaglino

Paolo Ielo

Guglielmo Leo

Maria Cristina Amoroso

Luca Poniz

Marco Dinapoli

Annalisa Multari

Cristina Ornaro

Alcide Maritati

Francesco Petrucco Toffolo

Annalisa Multari

Sergio Malgeri

Antonio Valitutti

Mario Palazzi

Laura Pedio

Iolanda Daniela Chimenti

Francesco Novarese

Maria Patrizia Spina

Giulia Dossi

Marzia Minutillo Turtur

Paola Gandolfi

Gianluca Petragnani

Marcella Suma

Celestina Tinelli

Allegra Stracuzzi

Vincenzo Antonio Poso


(elenco aggiornato alle 13.00 del 6 febbraio)

4 febbraio 2014
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017