Per Graziana Calcagno

In ricordo di una giudice minorile

di Camillo Losana
già presidente della Corte di appello di Torino
Preparata e colta, protagonista di quella cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori per affermare i loro diritti, riassumibili nel diritto alla educazione

 

Graziana Calcagno, scomparsa il 6 agosto a Torino all’età di 79 anni, è stata un grande magistrato e una stupenda giudice minorile. Preparata, colta, sapeva di diritto e di psicologia, rigorosa e ferma nelle sue decisioni ma ricca di una grande carica umana. Fu giudice e poi pm per molti anni al Tribunale per i minorenni di Torino ove giunse alla metà degli anni ’70.

Erano gli anni della costruzione del diritto minorile. Giudici e presidenti di Tribunali per i minorenni, aperti e illuminati (cito per tutti Paolo Vercellone a Torino, Alfredo Carlo Moro a Roma, Gianpaolo Meucci a Firenze, Italo Cividali a Bologna) elaborarono e fecero crescere una nuova cultura. Era una cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori (cui si ricollegavano gli istituti totali e le case di correzione o rieducazione) per affermare invece i diritti dei minori, riassumibili nel diritto alla educazione. A questa cultura Graziana, con il gruppo di giudici minorili “allievi” di Vercellone, contribuì tantissimo: con ciò che scrisse e disse, ma specialmente con ciò che seppe fare in concreto. Ricordo la sua capacità di ascoltare i ragazzi e dialogare con loro; la fiducia reciproca che sapeva instaurare; l’impegno per la loro concreta promozione; e quindi la sua autorevole e pressante richiesta all’Amministrazione e ai servizi del territorio di creare occasioni di impegno per i ragazzi, e di superare la vecchia logica degli istituti dando vita a comunità e strumenti educativi adeguati.

 Graziana sapeva stabilire relazioni positive, costruttive, sempre improntate alla migliore e efficace collaborazione, ma sempre serene e cordiali, con i colleghi, con i giudici onorari, con gli avvocati, con gli amministratori, con gli operatori sociali.

 Ma voglio ricordarne anche l’amicizia. Sapeva creare e coltivare amicizie. La sua era un’amicizia bella, limpida e… contagiosa. Quando “c’era Graziana” le cose in compagnia andavano bene; si respirava aria serena; perché era animatrice, pur senza mettersi in mostra. Raccoglieva le persone e le metteva assieme.

 E cantava (faceva anche parte di un coro). Nel cuore abbiamo le sue canzoni. Citando Petrarca, diceva che «nel canto il cuor si disacerba». Canzoni drammatiche che con la sua bellissima voce facevano venire la pelle d’oca, ma anche canzoni di montagna… e canzoni buffe e giocose, quasi infantili.

 Aveva la capacità di comporre strofette, e parodie, ricche di umorismo: garbato, scherzoso, semplice. Le piaceva sorridere assieme. Abbiamo passato con lei, e tramite lei, momenti indimenticabili.

I suoi valori, il suo impegno, la sua amicizia, ma anche il suo cantare (che è stato per noi un collante forte) sono una grande, fortunata eredità. È stato bello, Graziana. Se ci riusciremo canteremo ancora per lei e con lei.

16 agosto 2018
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.