Per Graziana Calcagno

In ricordo di una giudice minorile

di Camillo Losana
già presidente della Corte di appello di Torino
Preparata e colta, protagonista di quella cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori per affermare i loro diritti, riassumibili nel diritto alla educazione

 

Graziana Calcagno, scomparsa il 6 agosto a Torino all’età di 79 anni, è stata un grande magistrato e una stupenda giudice minorile. Preparata, colta, sapeva di diritto e di psicologia, rigorosa e ferma nelle sue decisioni ma ricca di una grande carica umana. Fu giudice e poi pm per molti anni al Tribunale per i minorenni di Torino ove giunse alla metà degli anni ’70.

Erano gli anni della costruzione del diritto minorile. Giudici e presidenti di Tribunali per i minorenni, aperti e illuminati (cito per tutti Paolo Vercellone a Torino, Alfredo Carlo Moro a Roma, Gianpaolo Meucci a Firenze, Italo Cividali a Bologna) elaborarono e fecero crescere una nuova cultura. Era una cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori (cui si ricollegavano gli istituti totali e le case di correzione o rieducazione) per affermare invece i diritti dei minori, riassumibili nel diritto alla educazione. A questa cultura Graziana, con il gruppo di giudici minorili “allievi” di Vercellone, contribuì tantissimo: con ciò che scrisse e disse, ma specialmente con ciò che seppe fare in concreto. Ricordo la sua capacità di ascoltare i ragazzi e dialogare con loro; la fiducia reciproca che sapeva instaurare; l’impegno per la loro concreta promozione; e quindi la sua autorevole e pressante richiesta all’Amministrazione e ai servizi del territorio di creare occasioni di impegno per i ragazzi, e di superare la vecchia logica degli istituti dando vita a comunità e strumenti educativi adeguati.

 Graziana sapeva stabilire relazioni positive, costruttive, sempre improntate alla migliore e efficace collaborazione, ma sempre serene e cordiali, con i colleghi, con i giudici onorari, con gli avvocati, con gli amministratori, con gli operatori sociali.

 Ma voglio ricordarne anche l’amicizia. Sapeva creare e coltivare amicizie. La sua era un’amicizia bella, limpida e… contagiosa. Quando “c’era Graziana” le cose in compagnia andavano bene; si respirava aria serena; perché era animatrice, pur senza mettersi in mostra. Raccoglieva le persone e le metteva assieme.

 E cantava (faceva anche parte di un coro). Nel cuore abbiamo le sue canzoni. Citando Petrarca, diceva che «nel canto il cuor si disacerba». Canzoni drammatiche che con la sua bellissima voce facevano venire la pelle d’oca, ma anche canzoni di montagna… e canzoni buffe e giocose, quasi infantili.

 Aveva la capacità di comporre strofette, e parodie, ricche di umorismo: garbato, scherzoso, semplice. Le piaceva sorridere assieme. Abbiamo passato con lei, e tramite lei, momenti indimenticabili.

I suoi valori, il suo impegno, la sua amicizia, ma anche il suo cantare (che è stato per noi un collante forte) sono una grande, fortunata eredità. È stato bello, Graziana. Se ci riusciremo canteremo ancora per lei e con lei.

16 agosto 2018
Ultimi articoli
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione
Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore
Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)
Rassegna

Osservatorio giustizia

Conversazione con Mariarosaria Guglielmi, segretaria di Magistratura democratica (Radio Radicale)
Carceri

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
Domina la cifra giustizialista della maggioranza. Eliminate le norme sulle misure alternative al carcere e per l'integrazione dei detenuti stranieri (Il Manifesto)
L’intervento

La magistratura torni all’impegno comune sui diritti e sulle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Corriere della Sera, 31 luglio 2018