SFOGLIA" /> SFOGLIA" />
Il volume

Commentario della Riforma Fornero

Analisi della legge 92/2012 - SFOGLIA

Commentario legge Fornero
SCARICA QUI

L’ultima riforma del mercato del lavoro è stata portata a segno dal “Governo dei tecnici” con la legge 28 giugno 2012, n. 92, recante «Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita» (comunemente nota come Riforma Fornero), a seguito di un iter di approvazione del disegno di legge governativo velocissimo, ed alla fine premiato da un voto parlamentare a larghissima maggioranza, condizionato dalla drammatizzazione alimentata intorno alla necessità del varo di una riforma presentata come una delle condizioni da cui far dipendere la stessa permanenza in Europa del nostro Paese.

E’ stato così raggiunta una tappa da anni ormai in agenda: quella della vanificazione di buona parte delle tutele e delle garanzie che hanno costituito la “civiltà” del lavoro, sin qui al riparo dallo scudo dell’art. 18 St.lav.

L’analisi critica della Legge Fornero contenuta in questo volume punta innanzitutto al nucleo di sostanza del passaggio “riformatore”, soffocato nel dibattito pubblico dalla brusca chiusura in nome dell’emergenza della crisi economica e della necessità di assolvere ad impegni assunti presso le istituzioni europee: in realtà, nell’occasione si è percorso un altro significativo tratto di strada nella direzione, da anni intrapresa,  di comprimere gli equilibri segnati dal compromesso costituzionale, confidando ancora nelle capacità di un mercato quanto più libero da vincoli di sprigionare le energie necessarie per la ripresa.

Attraverso i contributi di magistrati del lavoro di lunga esperienza affiancati da studiosi di prestigiosa caratura, questo volume vuole offrire uno strumento di conoscenza e di valutazione del testo legislativo, nonchè un mirato esame di quelle sue parti in contrasto con i principi della Carta del 1948, e fornisce ipotesi di interpretazione costituzionalmente orientata delle norme più ambigue.



A CURA DI:

Fabrizio Amato, magistrato, è presidente del Tribunale di Pistoia, dopo essere stato, per oltre trent’anni, giudice del lavoro in primo grado e in appello. Già coordinatore del “gruppo lavoro” di Magistratura democratica è autore di numerose pubblicazioni in materia lavoristica e collabora con diverse riviste tra cui Questione giustizia e D&L Rivista critica di diritto del lavoro.

Rita Sanlorenzo, consigliere presso la sezione Lavoro della Corte d’appello di Torino, è giudice del lavoro da trent’anni. Già segretaria generale di Magistratura democratica, fa parte del comitato di redazione di Questione giustizia.

Hanno collaborato a questo volume

Fabrizio Amato, presidente Tribunale Pistoia

Laura Calafà, professore associato di diritto del lavoro Università di Verona

Gaetano Campo, consigliere sezione lavoro, Corte appello Venezia

Giovanni Cannella, presidente sezione lavoro, Corte Appello Roma

Linda d’Ancona, consigliere sezione lavoro, Corte Appello Roma

Fabrizia Garri, consigliere Corte di cassazione

Margherita Leone, presidente sezione lavoro, Tribunale Roma

Vincenzo Martino, avvocato in Torino

Graziella Mascarello, già giudice del lavoro, Tribunale Milano

Sergio Mattone, presidente onorario aggiunto Corte di cassazione

Silvia Niccolai, professore ordinario di diritto costituzionale Università di Cagliari

Fausto Nisticò, consigliere sezione lavoro, Corte appello Firenze

Tiziana Orrù, consigliere sezione lavoro, Corte Appello Roma

Massimo Pagliarini, giudice lavoro, Tribunale Roma

Carla Ponterio, consigliere sezione lavoro, Corte Appello Bologna

Roberto Riverso, giudice lavoro, Tribunale Ravenna

Umberto Romagnoli, professore emerito di diritto del lavoro Università di Bologna

Rita Sanlorenzo, consigliere sezione lavoro, Corte Appello Torino

Anna Luisa Terzi, consigliere, Corte Appello Trento

Amelia Torrice, presidente sezione lavoro, Corte Appello Roma

Glauco Zaccardi, consigliere sezione lavoro, Corte Appello Roma


SCARICA IL VOLUME:

20 dicembre 2012
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.