Il volume

Commentario della Riforma Fornero

Analisi della legge 92/2012 - SFOGLIA

Commentario legge Fornero
SCARICA QUI

L’ultima riforma del mercato del lavoro è stata portata a segno dal “Governo dei tecnici” con la legge 28 giugno 2012, n. 92, recante «Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita» (comunemente nota come Riforma Fornero), a seguito di un iter di approvazione del disegno di legge governativo velocissimo, ed alla fine premiato da un voto parlamentare a larghissima maggioranza, condizionato dalla drammatizzazione alimentata intorno alla necessità del varo di una riforma presentata come una delle condizioni da cui far dipendere la stessa permanenza in Europa del nostro Paese.

E’ stato così raggiunta una tappa da anni ormai in agenda: quella della vanificazione di buona parte delle tutele e delle garanzie che hanno costituito la “civiltà” del lavoro, sin qui al riparo dallo scudo dell’art. 18 St.lav.

L’analisi critica della Legge Fornero contenuta in questo volume punta innanzitutto al nucleo di sostanza del passaggio “riformatore”, soffocato nel dibattito pubblico dalla brusca chiusura in nome dell’emergenza della crisi economica e della necessità di assolvere ad impegni assunti presso le istituzioni europee: in realtà, nell’occasione si è percorso un altro significativo tratto di strada nella direzione, da anni intrapresa,  di comprimere gli equilibri segnati dal compromesso costituzionale, confidando ancora nelle capacità di un mercato quanto più libero da vincoli di sprigionare le energie necessarie per la ripresa.

Attraverso i contributi di magistrati del lavoro di lunga esperienza affiancati da studiosi di prestigiosa caratura, questo volume vuole offrire uno strumento di conoscenza e di valutazione del testo legislativo, nonchè un mirato esame di quelle sue parti in contrasto con i principi della Carta del 1948, e fornisce ipotesi di interpretazione costituzionalmente orientata delle norme più ambigue.



A CURA DI:

Fabrizio Amato, magistrato, è presidente del Tribunale di Pistoia, dopo essere stato, per oltre trent’anni, giudice del lavoro in primo grado e in appello. Già coordinatore del “gruppo lavoro” di Magistratura democratica è autore di numerose pubblicazioni in materia lavoristica e collabora con diverse riviste tra cui Questione giustizia e D&L Rivista critica di diritto del lavoro.

Rita Sanlorenzo, consigliere presso la sezione Lavoro della Corte d’appello di Torino, è giudice del lavoro da trent’anni. Già segretaria generale di Magistratura democratica, fa parte del comitato di redazione di Questione giustizia.

Hanno collaborato a questo volume

Fabrizio Amato, presidente Tribunale Pistoia

Laura Calafà, professore associato di diritto del lavoro Università di Verona

Gaetano Campo, consigliere sezione lavoro, Corte appello Venezia

Giovanni Cannella, presidente sezione lavoro, Corte Appello Roma

Linda d’Ancona, consigliere sezione lavoro, Corte Appello Roma

Fabrizia Garri, consigliere Corte di cassazione

Margherita Leone, presidente sezione lavoro, Tribunale Roma

Vincenzo Martino, avvocato in Torino

Graziella Mascarello, già giudice del lavoro, Tribunale Milano

Sergio Mattone, presidente onorario aggiunto Corte di cassazione

Silvia Niccolai, professore ordinario di diritto costituzionale Università di Cagliari

Fausto Nisticò, consigliere sezione lavoro, Corte appello Firenze

Tiziana Orrù, consigliere sezione lavoro, Corte Appello Roma

Massimo Pagliarini, giudice lavoro, Tribunale Roma

Carla Ponterio, consigliere sezione lavoro, Corte Appello Bologna

Roberto Riverso, giudice lavoro, Tribunale Ravenna

Umberto Romagnoli, professore emerito di diritto del lavoro Università di Bologna

Rita Sanlorenzo, consigliere sezione lavoro, Corte Appello Torino

Anna Luisa Terzi, consigliere, Corte Appello Trento

Amelia Torrice, presidente sezione lavoro, Corte Appello Roma

Glauco Zaccardi, consigliere sezione lavoro, Corte Appello Roma


SCARICA IL VOLUME:

20 dicembre 2012
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti