Il ricordo

Addio a Filippo Paone

"Un magistrato democratico a tutto tondo"

Venerdì ci ha lasciato Filippo Paone. Pubblichiamo un ricordo di Valerio Savio

L'avevo visto l'ultima volta un paio di mesi fa. Allegro, sorridente, propositivo, come al solito con idee organizzative per la sezione di Corte di Appello Civile che a Roma presiedeva (pensate: dopo quarant'anni di penale, a quasi settant'anni, rifiutando l'idea per lui assurda e comunque prematura della pensione, "alla ricerca di nuovi stimoli", era voluto passare al civile). Mi chiedeva dei candidati al Consiglio, di che "Consiglio verrà". Guardava al futuro.

Guardava al futuro con passione. Passione è forse la parola che meglio descrive la sua esistenza e la sua personalità. Passione per il lavoro, da sempre al centro della sua vita, lavoro a tempo pieno, con al centro l'attenzione alle persone coinvolte dal processo, con chiara l'idea che dietro ogni scelta che il magistrato fa ogni giorno, nel giudizio, nell'organizzazione, nella pianificazione del lavoro, vi sono precise e a volte diversissime opzioni culturali. Con chiara l'idea che il magistrato lavora bene solo dentro una organizzazione ed in un contesto culturale collettivo, che non può vivere e lavorare isolato, come una monade, ritenendosi autosufficiente.

Passione per la Politica. Per gli amici. Per MD (che per lui era e doveva sempre essere capace di essere innanzitutto una congrega di amici, MD di cui a Roma Filippo è stato una delle anime per decenni, fin dagli Anni Settanta, fin dai tempi in cui, come ha detto una volta Gianfranco Viglietta, "l'unica cosa che MD era in grado di garantire ai suoi iscritti erano i procedimenti disciplinari dovuti all'impegno associativo e politico" ).

Passione per i colleghi con cui lavorava, con cui discuteva, con cui magari litigava. Passione per le donne, di cui amava la bellezza, ma anche lo spirito di iniziativa, il sano senso pratico, l'equilibrio, la sensibilità e l'umanità. Passione per l'ANM (quando ha presieduto la Giunta di Roma, con un impegno quotidiano che si è visto in pochi casi). Passione per tutti coloro che con lui interagivano -- avvocati in testa -- perché sapevano mettersi in sintonia con il suo abito mentale ed il suo stile di vita fatto di rapporto umano, condivisione di valori, impegno.

Se con te dibatteva anche aspramente, di politica, o in camera di consiglio, e magari si arrabbiava e ti prendeva pure idealmente per il bavero, allora voleva dire che ti voleva bene, ti stimava, con te voleva interagire. Se ti mostrava indifferenza, era innanzitutto perchè ti sentiva troppo lontano, troppo diverso, individualista, arrivista, opportunista, o peggio: ignavo.

Ecco: per lui la Politica, ad ogni livello, dentro e fuori la Magistratura, era fatta innanzitutto, irrimediabilmente ed in modo imprescindibile, di intensi rapporti umani. Ed i rapporti umani, sul lavoro, dovevano essere altrettanto irrimediabilmente fatti ed innervati di valori in senso lato "politici" perchè afferenti allo stare insieme per obiettivi e valori comuni. Scherzava, ma non troppo: "Quando mi trovo a mangiare da solo, mi chiedo: dove ho sbagliato?".

Non era un Giurista ed un Grande Intellettuale né ci ha mai tenuto ad esserlo e anzi si sarebbe arrabbiato con chi c'avesse provato ad etichettarlo ed imbalsamarlo così. E' stato però un Giudice colto, che ha ogni giorno cercato con tutte le sue capacità ed energie di dare vita al modello costituzionale di giurisdizione. E' stato davvero un Magistrato Democratico. A tutto tondo.

Ciao caro Filippo, mi mancherai. Come mi mancheranno le nostre discussioni in cui quasi mai eravamo d'accordo, ma dopo le quali alla fine anch'io ero un po' meno d'accordo con me stesso.

Valerio Savio - vicepresidente Anm


(26 luglio 2014)

27 luglio 2014
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.