Il discorso

"Accuse ai magistrati

Il Csm non sia indifferente"

Dal giorno in cui la Corte Suprema di Cassazione ha reso definitiva la condanna di Silvio Berlusconi per il delitto di frode fiscale, ai magistrati italiani sono state rivolte espressioni offensive e gravissime accuse da parte di determinati settori politici e dell’informazione. I pubblici ministeri e i giudici che nelle varie fasi processuali si sono occupati della vicenda giudiziaria di Berlusconi sono stati accusati di aver concorso  dolosamente ad  un esito processuale preordinato in odio politico a Berlusconi. E’ la peggiore della accuse che si possano fare ai magistrati, quella di agire in odio alla parte

Nell'intento di svilirne la funzione, si sono additati in modo spregiativo i giudici come impiegati che hanno fatto un compitino e vinto un concorso,  dimenticando che l’accesso per concorso previsto dall’art. 106 delle Costituzione costituisce una garanzia per i cittadini e la collettività e ignorando l’impegno e la qualità delle formazione professionale continua dei magistrati che è da tempo apprezzata nelle sedi internazionali e considerata un modello anche per gli altri ordinamenti.
 
Non siamo di fronte alle critiche anche severe ed aspre dei provvedimenti giudiziari che sono pienamente legittime e costituiscono esercizio di un diritto costituzionalmente garantito, siamo di fronte alla diffamazione e alla calunnia contro una funzione essenziale dello Sato liberale e democratico.
 
Ciò è intollerabile non solo per la funzione giurisdizionale e i magistrati che la esercitano, ma per lo stesso assetto costituzionale dello Stato e per l’ordinata convivenza civile.  C’è chi parla, a sproposito, di eversione della democrazia solo perché non piace una sentenza definitiva e se ne vorrebbe l'eliminazione in modo improprio. Ma è proprio in questa pretesa e nel dileggio della giurisdizione che sta l’eversione della democrazia. Siamo ancora una volta di fronte alla pretesa dell’impunità per ragioni politiche, tante volte affacciata, anche  da fronti contrapposti, nel corso dei decenni passati.
 
Accuse e calunnie sono state rivolte anche ai magistrati che si riconosco nell'esperienza associativa di Area e in particolare a quella parte della magistratura che si è riconosciuta in Magistratura Democratica, descritta come  una setta impegnata nell’eversione. La storia di questo gruppo associativo non è la caricatura grottesca che ne è stata fatta di recente su alcuni giornali, con l’estrapolazione di pezzi di saggi o articoli, talora risalenti a vari decenni fa e in qualche caso manipolati fino alla falsificazione. E’ la storia di  magistrati che hanno inteso e intendono la giurisdizione non, come è stato in anni passati,  quale presidio della legalità nell’interesse di pochi, ma come tutela delle libertà e dei diritti di tutti seguendo la stella polare del principio di uguaglianza stabilito dall’art. 3 della Costituzione.
 
Crediamo che il Consiglio non possa restare indifferente alle offese e alle calunnie rivolte non solo ai magistrati che si sono occupati di specifiche vicende processuali ma a tutti i magistrati e debba in modo alto e forte respingere quelle offese e calunnie riaffermando la dignità istituzionale della magistratura.


Vittorio Borraccetti (anche a nome degli altri componenti del gruppo di Area) nel Plenum dell'11 settembre 2013.


(11 settembre 2013)

11 settembre 2013
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti