Il corsivo

Dalla Florida a Roma

Tampa non è così lontana

di Luigi Marini

Che cosa unisce Tampa (Florida) a Roma (Italia) ?

Me lo sono chiesto leggendo il libro intervista a Luciano Gallino curato da Paolo Borgna. La lettura del mondo sotto l’ottica di una lotta di classe dall’alto , ovvero della rivincita dei pochi ricchi contro i milioni e milioni di poveri e meno ricchi è argomentata a fondo. Una rivincita che in Occidente recupera le ricchezze e il potere decisionale che le lotte di classe dei decenni passati avevano in parte spostato in favore dello stato sociale e del potere d’acquisto delle “classi lavoratrici”.

A Tampa la “convention” repubblicana che apre le ultime settimane di campagna elettorale vede lo sfidante e il suo vice, un cattolico integralista che è assieme un liberista spietato, supportati, anzi guidati da 100  finanziatori potentissimi, che dopo gli abusi della finanza e la crisi mondiale che ne è seguita ancora pretendono meno Stato, meno (possibilmente zero) stato sociale, meno tasse per i  ricchi e  meno vincoli alle “corporations” e ai gruppi finanziari.

Nel nostro piccolo, a Roma, una parte delle forze politiche si oppone strenuamente alla riforma delle norme in materia di corruzione. Una riforma che tocca il nodo in cui si tengono i reati societari e finanziari, i crimini ambientali, l’evasione fiscale, lo sperpero delle risorse pubbliche a vantaggio di pochi, le carriere politiche e molto altro ancora. E questo dopo che i sistemi finanziario e bancario sono stati salvati dai loro errori e dalle loro perdite scaricandole sui risparmiatori e sul debito pubblico e proprio mentre l’economia criminale fa affari sempre più vantaggiosi e invade l’economia legale.

La lotta alla corruzione, da condurre sul piano amministrativo, penale e prima ancora culturale, è un passaggio fondamentale per tutelare i diritti sociali, l’ambiente in cui viviamo, i beni comuni, il funzionamento efficace e corretto delle  strutture pubbliche. Al contrario, limitare l’intervento penale, garantire a corrotti e corruttori una prescrizione breve, ridurre l’uso delle intercettazioni, tenere sotto scacco i magistrati sono obiettivi che fanno parte di una strategia in linea con la rivincita di una “classe” che continua a ricercare privilegi a scapito di coloro che onestamente lavorano e tengono in piedi questo Paese.

Tampa non è poi così lontana da noi e dal nostro futuro.

(29/08/2012)

29 agosto 2012
Ultimi articoli
Intervento al comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 MAGGIO, GIORNO DI ALLERTA PER L'INDIPENDENZA DELLA GIUSTIZIA

Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda in questi giorni anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto, e condannato a di 10 anni in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede - Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Betta Cesqui
Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

di Mariarosaria Guglielmi
La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone
Coltivazione domestica

Canapa sul balcone: parole nette dalla Cassazione

di Riccardo De Vito
La sentenza delle Sezioni Unite ha le carte in regola per evitare un rigorismo repressivo che, sinora, ha ottenuto soltanto il risultato di allungare la catena dello spaccio. Ma adesso è indispensabile che il legislatore riprenda la parola per ridisegnare la disciplina delle droghe leggere