Il corsivo

Appello per le nostre carceri

Md pronta a fare la sua parte

L'invito a fare qualcosa che chiude l'intervento appassionato e documentato di Dacia Maraini sulla situazione delle carceri comparso sul Corriere della Sera di ieri, mi impone di rilanciare: da molti anni Magistratura democratica segue criticamente quella situazione e formula proposte inascoltate che nascono dal confronto con associazioni e persone impegnate direttamente sul campo.

Piú di recente magistrati di Md e di Area si sono fatti promotori di visite negli istituti carcerari che vogliono sensibilizzare magistrati e politici sulla gravitá delle condizioni di vita e sul degrado che segnano i luoghi di "custodia".

Ribadisco qui la disponibilitá e l'impegno a fare di piú, ma questo servirà a poco se non si affrontano alla radice le cause di un eccesso di carcerazione che sembra non avere fine.


Luigi Marini

presidente Magistratura Democratica


(24/07/2012)

24 luglio 2012
Ultimi articoli
Rassegna

Nel nome dell’interesse dello Stato si fa a pezzi il principio di non colpevolezza

Intervista a Riccardo De Vito, presidente di Md (Il Manifesto, 7 novembre 2018)
Intervento

Il ruolo della magistratura nella difesa delle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Il garantismo: esigenza della giurisdizione, fondamento della sua indipendenza
Minori

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
Medel/Aed

Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés)/Aed (Avocats Européens Democrates): Magistrati e Avvocati dalla parte dei valori comuni

di Mariarosaria Guglielmi
Le conclusioni comuni della conferenza internazionale L’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati/Duo/Duel (Bruxelles, 26 maggio 2018)
Rassegna

I magistrati democratici europei: «Le costituzioni affermino il ruolo dell’avvocato»

Il Dubbio, 29 settembre 2018
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione