Il commento

Una vignetta che vale un editoriale

La vignetta di ElleKappa pubblicata su La Repubblica (foto tratta da La Repubblica) di sabato 10 maggio è, come al solito, un vero e proprio editoriale:  "Gli italiani pensavano di avere sconfitto la corruzione venti anni fa. Invece l'avevano solo eletta".

Senza ricordare gli uomini d'impresa e di partito che hanno avuto assicurato un seggio parlamentare al solo scopo di garantirsi da possibili / probabili indagini e processi, la diffusione venti anni dopo del fenomeno corruttivo non emerge solo dal ripetersi degli interventi giudiziari ma dal convergere di tutti gli indicatori che gli esperti del settore e la stessa Unione Europea utilizzano per misurare un fenomeno che vede l'Italia protagonista negativa.

Eppure ancora oggi leggiamo e ascoltiamo organi di stampa parlare di indagini a orologeria e di invadenza dei magistrati. Sono discorsi che da anni si ripetono sempre uguali e che potrebbero, forse, avere una legittimità se i responsabili dei beni collettivi e le organizzazioni politiche che di fatto li controllano avessero in questi lustri affrontato davvero i problemi strutturali e culturali che costituiscono la base e la ragione della degenerazione della cosa pubblica.

Così non è stato e "la politica" può solo rimproverare a se stessa la condizione desolante di un Paese che continua a sperperare fiumi di denaro pubblico, ad arricchire posizioni parassitarie, a distorcere i rapporti economici e gli stessi processi democratici.

Quanto, poi, alle forme di intervento che sono state adottate dai magistrati, credo ogni cittadino consapevole e sgombro da pregiudizi sappia apprezzare i meccanismi di difesa e di giustificazione che scattano fra i responsabili degli abusi e l'emergere di vere e proprie strutture destinate a inquinare le prove e a garantire fughe e impunità.

A dimostrazione che non si è in presenza di errori o reati occasionali, ma di meccanismi collaudati e affinati nel tempo che si rivelano tanto diffusi e invadenti da incappare spesso nei controlli che, nonostante tutto, la polizia e la magistratura doverosamente continuano a coltivare.  


Luigi Marini

(12 maggio 2014)
12 maggio 2014
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.