Il commento

La valutazione dei magistrati

di LUIGI MARINI

Ieri in Cassazione è stato presentato il libro di Lionello Mancini "L'onere della toga".

Nel suo intervento Michele Vietti ha espresso un concetto che la magistratura "progressista" (ricorro per semplicità di argomenti a questa espressione nonostante sia abusata e talvolta ambigua) ha avanzato da tempo:

la legittimazione costituzionale del magistrato che lo abilita a "fissare la legge" del caso concreto (e dunque a farsi in qualche modo legislatore) non sta certo nella investitura popolare o in una responsabilità politica (dimensioni a cui è estraneo, per fortuna) né nel superamento di un concorso, ma si rinviene nella sua "qualificazione professionale"; e questa comprende, come ha aggiunto Giorgio Santacroce, sia la preparazione tecnica sia la capacità di lavorare all'interno di un'organizzazione complessa sia "lo sforzo assiduo di capire la società e la sua evoluzione".

Non c'è, dunque, nessuna forma di presunzione in quei magistrati che non rifiutano di essere valutati e che accettano di confrontarsi con una valutazione equilibrata ma "vera". Si pongono così non perché pensano di essere migliori, ma perché capiscono che solo un sistema di valutazione effettivo potrà garantire la loro reale indipendenza; questa è messa in pericolo molto più dall'assenza di presidi di qualità e professionalità che dalle valutazioni "incrociate" o da un sistema di valutazione più aperto.


(14 marzo 2014)
14 marzo 2014
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019