Giudici di pace incontrano sottosegretario

Il comunicato del segretario di Unità democratica

ROMA - Pubblichiamo il comunicato stampa rilasciato dal segretario generale di Unità Democratica Giudici di Pace, Diego Loveri, sull'incontro avuto il 7 dicembre 2011 con il sottosegretario alla Giustizia, prof. Salvatore Mazzamuto (foto).

COMUNICATO STAMPA

Si è svolto il 7 dicembre 2011 l’annunciato incontro con il sottosegretario della Giustizia prof.Mazzamuto ed i rappresentanti delle Associazioni dei Giudici di Pace,dei Got,dei Vpo, ecc. .L’incontro e’ stato richiesto dalle varie Associazioni per l’urgenza della situazione della categoria che non ha ancora avuto una riforma organica. Per l’Unita’Democratica Giudici di Pace erano presenti  il Segretario Generale ( D.Loveri) ed il Vice Presidente ( G.Golotta).

E’ stato rappresentato l’intero quadro delle rivendicazioni e proposte della nostra Associazio ne oltre a quelle comuni con le altre Associazioni( continuità degli incarichi e previdenza). In particolare il segretario gen.le Loveri ha sottolineato gli aspetti relativi : 

1) alla riforma dello stato giuridico ed economico dei giudici di pace, introducendo l’incompatibilita’ assoluta con la professione forense della funzione onoraria, nonchè l’abolizione del cottimo, da sostituire con una indennita’ fissa al 90 per cento ed una incentivazione economica del 10 per cento, collegata all’impegno quantitativo, non solo delle prestazioni giudiziali ,ma anche della formazione ed aggiornamento dei singoli giudici di pace,;

2) alla   dovuta valutazione delle problematiche del lavoro femminile ,essendo le gdp donne occupate sia nella  complessa organizzazione familiare  ,che nell’assolvimento dei doveri dell’ufficio, ed essendo ormai in maggioranza tra tutti i gdp nati dal 1960 in poi,  mentre  i giudici
di pace  uomini nati dal 1937 al 1959 costituiscono la maggioranza assoluta rispetto alle donne e quindi è necessaria una tutela del lavoro femminile maggiore oggi, più degli anni precedenti, avendo assunto la componente femminile  una prevalenza numerica rispetto a quella maschile.;

3) alla  riapertura dei concorsi per la copertura dei posti vacanti dei gdp sulla base dell’anteriore ridisegno della geografia giudiziaria che va ristudiata
razionalmente ed attuata con urgenza per consentire l’accesso dei giovani alle funzioni dei gdp;

4) al coordinamento degli Uffici dei Giudici di Pace che dovrebbe essere affidato ai Presidenti dei Tribunali, o a giudici togati delegati dagli stessi,
perche’ possa esservi un legame interno con il Ministero della Giustizia e quindi con la tutela della categoria anche rispetto alla copertura degli organici del personale di cancelleria, attualmente carenti e con l’utilizzazione temporanea di centinaia di cassaintegrati; 

5) al rispetto della legislazione europea in materia di immigrazione relativamente alla competenza dei giudici di pace costretti ad assolvere un ruolo delicato riguardo ai trattenimenti ed alle espulsioni dei cittadini dei paesi terzi, mentre l’Italia continua a ricevere sanzioni economiche dalla Corte di giustizia Europea per violazione delle direttive europee proprio nel settore dei migranti dei paesi terzi;

6) alla proroga dei giudici di pace che immessi nel 1999 sono scaduti o sono in scadenza nel 2012.

Il sottosegretario prof. Mazzamuto, coadiuvato da due dirigenti ministeriali, uno per la continuità ed uno per la discontinuità con il precedente governo, ha
ascoltato le istanze dei presenti ed ha assicurato una proroga dei giudici onorari in scadenza anche se non ha potuto precisare se trimestrale o annuale.

IL SEGRETARIO GENERALE DI UDGDP

( D.LOVERI)

7 dicembre 2011
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.