Fini-Giovanardi

L'illusione repressiva
(e le ipocrisie)

Dopo avere prodotto per anni leggi che accrescono la repressione penale di fenomeni e di criticità sociali, una parte consistente del mondo politico segue con partecipazione (e scarsezza di proposte) i richiami del Capo dello Stato che ci ricorda le scadenze del prossimo mese di maggio (effettività della sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'uomo) che ha condannato l'Italia per le disastrose condizioni carcerarie.

Nel frattempo sono passati anni dall'entrata in vigore della legge che aggravò il trattamento penale per le droghe "leggere" parificandolo a quello delle droghe "pesanti" e portando in carcere migliaia di piccoli spacciatori di hashish e marijuana ma anche coltivatori di canapa (e qui i giudici ci hanno messo del loro...).

Ancora una volta è toccato alla Corte costituzionale (e a chi l'ha sollecitata) intervenire per riportare un pò di razionalità nella materia. Al di là delle motivazioni che leggeremo, si apre la possibilità/necessità di ripensare le scelte infelici del legislatore del 2006 e provare a trovare soluzioni diverse.

La parola tornerà al legislatore, ma intanto i magistrati dovranno rimboccarsi le maniche per trovare le soluzioni interpretative di una disciplina che la sentenza della Consulta ha mutilato e per trattare con intelligenza processi e persone che ogni giorno vengono all'attenzione degli uffici giudiziari. Sperando che la congerie del momento politico non finisca per condurre a esiti diversi da quelli che razionalità vorrebbe.


Luigi Marini (presidente Magistratura democratica)

(12 febbraio 2014)

12 febbraio 2014
Ultimi articoli
Intervista

“Nessuno si salva da solo...”

Stefano Musolino, membro dell’Esecutivo nazionale di Md: “la Grande Chambre della Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che l’ergastolo ostativo previsto dal nostro ordinamento penitenziario è contrario al principio della dignità umana e viola l'art. 3 della Convenzione Europea sui Diritti dell'Uomo”

In memoria di Pino Airò

Magistratura Democratica lo ricorda attraverso le parole di due amici
Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman

Dichiarazione di Medel sulle riforme del sistema giudiziario nella Repubblica di Moldavia

Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)