Elezioni Csm

Una responsabilità bella

di LUIGI MARINI

Il risultato ottenuto da Area alle elezioni non si discute. Sette consiglieri su sedici fanno del gruppo la realtà numericamente più consistente all'interno del futuro Consiglio. Ma non è solo una questione di numeri.

In primo luogo é stata invertita una tendenza alla contrazione della rappresentanza consiliare, che alcuni consideravano inarrestabile. In secondo luogo, si può dire che Area va consolidandosi come realtà che sa pensarsi e organizzarsi attorno a obiettivi comuni. Emerge, infine, dal voto una indicazione chiara su alcune scelte di fondo in tema di carriera, di valutazioni, di governo autonomo e di ruolo politico del Consiglio che dovrà costituire la traccia dell'azione futura dentro e fuori dall'istituzione.

Il tutto all'interno di un chiaro spostamento della rappresentanza consiliare in favore di Area e di Magistratura Indipendente, che risponde alla tendenza in atto verso la polarizzazione attorno a modelli diversi e fra loro alternativi di magistrato e di giurisdizione.

Per queste ragioni la nuova delegazione riceve dagli esiti positivi del voto una bella responsabilità. Ma anche una responsabilità bella. Contare su sette consiglieri su sedici priva Area di ogni alibi e impone di dare risposte positive al peso specifico e alla capacità di indirizzo che spettano al gruppo maggioritario. Non in termini di gestione del potere, ma in termini di percorso culturale e di scelte di gestione coerenti.

Molte vicende del passato quadriennio hanno messo in luce i limiti e le criticità di una idea di Consiglio che i magistrati sentono lontana. Il voto ad Area deve essere letto anche in questa prospettiva e gli eletti avranno il compito, davvero complesso ma entusiasmante, di dare gambe e voce ai bisogni della magistratura che cerca soluzioni più avanzate all'interno di un quadro costituzionale che va difeso con chiarezza e con decisione.

La sinergia fra i consiglieri e coloro che li hanno scelti e sostenuti costituirà una chiave indispensabile, non nella logica di vincoli di mandato o di richieste di protezione, ma nella prospettiva di fare del Consiglio l'organo che coltiva le istanze migliori; per difendere l'istituzione e la sua vocazione costituzionale e, insieme, superare i limiti politici e organizzativi che la rendono  scarsamente efficace o addirittura incomprensibile. In questo, i gruppi organizzati e i singoli magistrati avranno un ruolo importante di elaborazione, di critica, di proposta.

Lo sanno bene gli eletti, che hanno girato l'Italia dopo il difficile passaggio delle primarie, che hanno ascoltato e capito e che ora dovranno fare tesoro di questa ricchezza di spunti e di contenuti. Lo sa bene il coordinamento, che dopo questa fase così ben gestita imposterà un lavoro di lungo periodo. Lo sanno bene le dirigenze dei gruppi e tutti coloro che intendono impegnarsi per un autogoverno migliore.

Lo sanno bene anche coloro che coltivano dubbi sul progetto di Area e che temevano un risultato non positivo. L'esito del voto e il modo leale con cui tutti hanno concorso a raggiungerlo costituiscono la prova che sono state poste le basi per crescere e che questo avverrà nella misura in cui la ricchezza di idee, le differenze e il confronto fra di noi lo renderanno possibile.

Si tratta di una responsabilità bella, che merita di essere vissuta con la passione delle settimane appena trascorse e con lo slancio di queste ore. Ai sette consiglieri vanno i migliori in bocca al lupo per l'impegno che li attende.

Al Coordinamento di Area e a tutti coloro che si sono impegnati, a partire da chi si riconosce in Md e ha operato per il buon risultato di Area, va il nostro grazie. 

(11 luglio 2014)

11 luglio 2014
Ultimi articoli
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.