Elezioni Csm

Una responsabilità bella

di LUIGI MARINI

Il risultato ottenuto da Area alle elezioni non si discute. Sette consiglieri su sedici fanno del gruppo la realtà numericamente più consistente all'interno del futuro Consiglio. Ma non è solo una questione di numeri.

In primo luogo é stata invertita una tendenza alla contrazione della rappresentanza consiliare, che alcuni consideravano inarrestabile. In secondo luogo, si può dire che Area va consolidandosi come realtà che sa pensarsi e organizzarsi attorno a obiettivi comuni. Emerge, infine, dal voto una indicazione chiara su alcune scelte di fondo in tema di carriera, di valutazioni, di governo autonomo e di ruolo politico del Consiglio che dovrà costituire la traccia dell'azione futura dentro e fuori dall'istituzione.

Il tutto all'interno di un chiaro spostamento della rappresentanza consiliare in favore di Area e di Magistratura Indipendente, che risponde alla tendenza in atto verso la polarizzazione attorno a modelli diversi e fra loro alternativi di magistrato e di giurisdizione.

Per queste ragioni la nuova delegazione riceve dagli esiti positivi del voto una bella responsabilità. Ma anche una responsabilità bella. Contare su sette consiglieri su sedici priva Area di ogni alibi e impone di dare risposte positive al peso specifico e alla capacità di indirizzo che spettano al gruppo maggioritario. Non in termini di gestione del potere, ma in termini di percorso culturale e di scelte di gestione coerenti.

Molte vicende del passato quadriennio hanno messo in luce i limiti e le criticità di una idea di Consiglio che i magistrati sentono lontana. Il voto ad Area deve essere letto anche in questa prospettiva e gli eletti avranno il compito, davvero complesso ma entusiasmante, di dare gambe e voce ai bisogni della magistratura che cerca soluzioni più avanzate all'interno di un quadro costituzionale che va difeso con chiarezza e con decisione.

La sinergia fra i consiglieri e coloro che li hanno scelti e sostenuti costituirà una chiave indispensabile, non nella logica di vincoli di mandato o di richieste di protezione, ma nella prospettiva di fare del Consiglio l'organo che coltiva le istanze migliori; per difendere l'istituzione e la sua vocazione costituzionale e, insieme, superare i limiti politici e organizzativi che la rendono  scarsamente efficace o addirittura incomprensibile. In questo, i gruppi organizzati e i singoli magistrati avranno un ruolo importante di elaborazione, di critica, di proposta.

Lo sanno bene gli eletti, che hanno girato l'Italia dopo il difficile passaggio delle primarie, che hanno ascoltato e capito e che ora dovranno fare tesoro di questa ricchezza di spunti e di contenuti. Lo sa bene il coordinamento, che dopo questa fase così ben gestita imposterà un lavoro di lungo periodo. Lo sanno bene le dirigenze dei gruppi e tutti coloro che intendono impegnarsi per un autogoverno migliore.

Lo sanno bene anche coloro che coltivano dubbi sul progetto di Area e che temevano un risultato non positivo. L'esito del voto e il modo leale con cui tutti hanno concorso a raggiungerlo costituiscono la prova che sono state poste le basi per crescere e che questo avverrà nella misura in cui la ricchezza di idee, le differenze e il confronto fra di noi lo renderanno possibile.

Si tratta di una responsabilità bella, che merita di essere vissuta con la passione delle settimane appena trascorse e con lo slancio di queste ore. Ai sette consiglieri vanno i migliori in bocca al lupo per l'impegno che li attende.

Al Coordinamento di Area e a tutti coloro che si sono impegnati, a partire da chi si riconosce in Md e ha operato per il buon risultato di Area, va il nostro grazie. 

(11 luglio 2014)

11 luglio 2014
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.