Dl Fare

Depotenziati stage e ufficio per il processo

ROMA - Quando siamo intervenuti criticamene sul richiamo alle "riforme della giustizia" formulato poche ore dopo la sentenza Berlusconi certamente pensavamo agli interventi sulla Costituzione e sulle leggi di ordinamento. Può essere, comunque, utile ad ampliare il quadro leggere il comunicato di InnovazionePerArea che pubblichiamo di seguito.
 
Dopo i mirabolanti annunci del Ministro della giustizia Alfano e del Ministero Brunetta sulla rivoluzione digitale e organizzativa della giustizia, annunci rimasti senza importanti seguiti reali se non una crescente crisi di risorse e progetti, giungiamo adesso allo stop della prima misura che cercava di dare sostanza all' "ufficio del processo" e imboccava una strada di novità nel panorama deprimente delle politiche sulla giustizia.
 
Da anni avanziamo proposte per dare risposte ai problemi della giustizia di ogni giorno, quella che i cittadini ci chiedono e di cui molti commentatori parlano continuamente in una Babele di lingue. Da anni diciamo che la magistratura onoraria ha diritto a un assetto ragionevole e dignitoso, che l'accesso alla magistratura deve essere aggiornato, che l'ufficio per il processo può essere uno strumento formidabile di efficienza e di cambiamento, che l'innovazione sperimentata in alcune sedi deve diventare un volano su cui investire.

Non pretendiamo di avere ragione su tutto, ma solo interventi migliori potranno convincerci se e quando arriveranno.
 
Non sappiamo se sia vero, come alcuni dicono, che esiste una "lobby" che ha bloccato il cambiamento ed è probabile che siano stati interessi convergenti a condurre a questo risultato.

E se anche fosse vero che la nuova norma poneva problemi di coordinamento con l'esistente  il problema avrebbe potuto essere segnalato per tempo e il testo migliorato, evitando di abbandonarlo all'ultimo istante e in questo modo. Una scelta che condanna allo stallo uffici in gradi difficoltà e chiude una strada che molti giovani speravano di percorrere utilmente.
 
Se questi sono i segnali che provengono dalla politica, abbiamo tutto il diritto di affermare che non siamo noi a difendere l'esistente, ma chi propone cambiamenti che per modalità, contenuti e finalità si rivelano dannosi e, spesso, contrari alla nostra Costituzione. Condannandoci così all'immobilità.

Luigi Marini

                                                                                           
                                                             InnovazionePerArea
 
Il Senato depotenzia tirocini formativi e ufficio per il processo. Una scelta contro i giovani.

Con un autentico colpo di mano il Senato ha abrogato il comma 12 dell'art. 73 del D.L. "Fare", ovvero il comma che faceva diventare abilitanti alla partecipazione al concorso di magistratura i tirocini formativi.

Questi vengono in tal modo totalmente svuotati e privati di ogni incentivo.

Risulta così affossata una prima realizzazione dell'ufficio per il processo che poteva dare nel contempo più efficienza alla giustizia, attraverso un apporto qualificato ai magistrati, e una formazione qualificata per i giovani laureati.

Vince la perpetuazione di un sistema di formazione e di accesso al concorso di magistratura oneroso per i giovani e scarsamente efficace.

I provvedimenti del governo in materia di giustizia vengono ad essere così privi di effetto.

Una scelta chiaramente contro i giovani e contro l'efficienza della giustizia.


(8 agosto 2013)

8 agosto 2013
Ultimi articoli
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.