Carceri

Una manovra
di corto respiro

*Il commento tiene conto del testo provvisorio del decreto legge e di quanto è dato sapere, e rappresenta un contributo per orientarsi

Il d.L. rappresenta una manovra a finalizzata ridurre i danni della grave situazione penitenziaria in modo articolato ed arlecchinesco, ma di limitata portata e di corto respiro. Risponde parzialmente alla CEDU della sentenza Torregiani prevedendo finalmente e con ritardo, tanto la fondamentale figura del Garante dei detenuti e delle persone private della libertà (pur se con ombre sulla effettiva indipendenza), quanto i casi, i modi ed i tempi della tutela giurisdizionale dei diritti dei detenuti e dell'esecuzione, mediante il reclamo giurisdizionale e il giudizio di ottemperanza, globalmente assegnato al Magistrato di Sorveglianza. Mentre non appresta ancora gli strumenti alternativi alla detenzione, di adeguamento della popolazione penitenziaria alla ricettività delle carceri.

Una manovra non aderente completamente allo spirito della legge penitenziaria, caratterizzata in primo luogo, da una visione meno trattamentale e rieducativa e più selettiva, in modo oggettivo con la stabilizzazione della detenzione domiciliare, secondo il modello della L. 199. In secondo luogo, dalla concentrazione di maggiori competenze sul magistrato di sorveglianza, a scapito della multidisciplinarietà del Tribunale, con implementazione della liberazione anticipata speciale a tempo accanto a quella ordinaria, la concessione del' affidamento provvisorio, la proroga per sopravvenienza di titolo esecutivo. E dunque una torsione del sistema verso l'oggettività e la monocraticità. Infine vengono accolte alcune delle proposte della Commissione Mista in materia di piccolo spaccio di stupefacenti, di rimozione di limiti alla concessione dell'affidamento terapeutico per tossicodipendenti o alcooldipendenti, di raccordo tra P.M.e magistrato di sorveglianza ex art. 51 bis O.P., e di implementazioni di procedimenti de plano, secondo le prassi virtuose già sperimentate da alcuni T.S. 

La novella si caratterizza per l'intervento su tre misure alternative in particolare.

L'esecuzione domiciliare per fine pena o detenzione domiciliare ex l. 199, pur restando fuori il sistema dell'ordinamento penitenziario, viene stabilizzata nel quadro delle alternative " fuori sede", ma nulla innovando quanto a presupposti, condizioni, competenza.

L'affidamento al servizio sociale diventa ammissibile anche se la pena residua è di 4 anni di reclusione, ma alla condizione della lecita condotta nell'anno precedente. Spicca lo slivellamento con i 3 anni previsti dall'art. 656 ai fini della sospensione dell'esecuzione. Si prevede l'applicazione provvisoria della misura da parte del magistrato di sorveglianza, deroghe provvisorie passate alla competenza dell'UEPE ed una (discutibilissima) riformulazione dell'art. 51 bis O.P.

La nuova liberazione anticipata speciale, a termine e fuori sistema, pur aumentando la riduzione di pena di 75 giorni a semestre dall'entrata in vigore del decreto fino al dicembre 2015, e consentendo un abbuono di altri 30 giorni ai 45 già concessi a semestre, a decorrere dall' 1 gennaio 2010, presenta profili opinabili discriminando per i titoli comprensivi dei delitti ex art.4 bis, ed ancorando il beneficio anche alla prova del concreto recupero sociale, desumibile da comportamenti rivelatori.

Francesco Maisto

Bologna, 18 dicembre 2013.                       

19 dicembre 2013
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017