Dichiarazione di Medel sulle riforme del sistema giudiziario nella Repubblica di Moldavia

 

MEDEL (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés) esprime seria preoccupazione per il recente progetto di riforma sulla riorganizzazione della Corte Suprema di Giustizia e dell’Ufficio di Procura, presentato dal Ministero della Giustizia della Repubblica di Moldavia.

Secondo il progetto di riforma, uno degli obiettivi è la riduzione del numero di giudici della Corte Suprema, effettuata  sulla base di una valutazione affidata a “Commissione di valutazione”, di nuova istituzione, composta da membri nominati principalmente dal potere esecutivo e dal potere legislativo.

Tale Commissione addetta alla valutazione dei giudici, in particolare all'interno della Corte Suprema, e prevalentemente nominata dal governo, non sembra adatta a garantire una valutazione obiettiva e a rispettare le garanzie per lo statuto dei giudici.

Come ha ricordato il Consiglio Consultivo dei giudici europei (CCJE) -nel suo parere n.17 (2014) sulla valutazione del lavoro dei giudici, sulla qualità della giustizia e sul rispetto dell'indipendenza dei sistemi giudiziari - "al fine di proteggere l'indipendenza giudiziaria, la valutazione dovrebbe essere effettuata principalmente da parte dei giudici. I Consigli di Giustizia (ove esistono) possono avere un ruolo in tale procedura. Tuttavia, altri strumenti di valutazione potrebbero essere utilizzati, ad esempio, da appartenenti alla magistratura nominati o eletti da giudici allo scopo specifico di procedere alla valutazione. La valutazione da parte del Ministero della Giustizia o di altri organismi esterni dovrebbe essere evitata; né il Ministero della Giustizia o altri organismi dell'esecutivo dovrebbero essere in grado di influenzare il processo di valutazione. Inoltre, potrebbero partecipare altre figure professionali in grado di fornire un utile contributo al processo di valutazione. Tuttavia, è essenziale che tali valutatori siano in grado di attingere a conoscenze ed esperienze sufficienti del sistema giudiziario per poter valutare adeguatamente il lavoro dei giudici. È inoltre essenziale che il loro ruolo sia esclusivamente consultivo e non determinante".

MEDEL valuta con molta preoccupazione anche la proposta di modifica del numero di membri del Consiglio Superiore della Magistratura, che prevede un incremento del numero dei rappresentanti della società civile. Questa proposta solleva preoccupazioni perché potrebbe limitare la possibilità dei giudici di decidere su tutte le questioni che riguardano il governo della magistratura.

Dobbiamo ricordare che le istituzioni internazionali più rilevanti hanno ripetutamente sottolineato la necessità dell'esistenza di una significativa maggioranza di giudici nei Consigli Superiori, come garanzia dell'indipendenza della magistratura:

  • la “Commissione di Venezia” (European Commission for Democracy Through Law), nel suo Rapporto sull'indipendenza del sistema giudiziario - Parte I: l'indipendenza dei giudici (adottata dalla Commissione di Venezia nella sua 82a sessione plenaria, Venezia, 12-13 marzo 2010) ha dichiarato espressamente che una parte sostanziale, se non la maggioranza, dei membri dei Consigli di Giustizia devono essere giudici eletti o nominati dai loro pari;
  • il CCJE, nella Magna Carta dei Giudici, approvata il 17 novembre 2010, ha anche chiaramente affermato che, al fine di garantire l'indipendenza dei giudici, i Consigli di Giustizia dovrebbero essere composti esclusivamente da giudici o da una maggioranza sostanziale di giudici eletti dai loro pari;
  • il Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa, nella sua raccomandazione CM/REC(2010) 12 – Giudici: Indipendenza, Efficienza, Efficienza e Responsabilità, afferma che non meno della metà dei membri dei Consigli di Giustizia dovrebbero essere giudici scelti da parte dei loro colleghi di tutti i livelli del sistema giudiziario e nel rispetto del pluralismo all'interno della magistratura.

 

MEDEL ribadisce che l'indipendenza della magistratura è uno dei principi fondamentali dello Stato di diritto, come riconosciuto a livello internazionale, tra l'altro, nei Principi fondamentali sull'indipendenza della magistratura (ONU 1985), dal Consiglio d'Europa Raccomandazione NR (94) 12 in merito all'indipendenza, all'efficienza e al ruolo dei giudici, dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo e dalla Carta Europea sullo Statuto dei giudici.

MEDEL continuerà a seguire da vicino l'evoluzione del dibattito in Moldavia e chiede che il governo della Repubblica di Moldavia si astenga da qualsiasi azione che attenti all'indipendenza della giustizia, in particolare promuovendo leggi che indeboliscono la magistratura.

28 settembre 2019
Ultimi articoli
Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman
Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019