Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman

Medel esprime grande preoccupazione per i recenti  eventi che coinvolgono il sistema giudiziario in Bulgaria, indicativi del crescente livello di  aggressione portato all’indipendenza della magistratura sia con attacchi  ai  singoli giudici che  con proposte di riforma volte a limitarne la libertà di associazione.

Le accuse rivolte pubblicamente da esponenti politici ed istituzionali ai giudici della Corte di  Appello di Sofia - che nello scorso  settembre hanno concesso la libertà condizionale a un cittadino australiano - di aver agito per finalità estranee ai fini di Giustizia, accompagnate dalla  richiesta di interventi sanzionatori o di destituzione dei magistrati, e dall’amplificazione di  tali accuse attraverso i media e con manifestazioni di protesta nelle piazze, non rappresentano esercizio del diritto di critica, che in ogni stato deve essere pienamente garantito, anche rispetto alle decisioni giudiziarie.

Costituiscono invece una grave forma di delegittimazione dell’ istituzione giudiziaria attraverso una inaccettabile strumentalizzazione del forte impatto emotivo del fatto di reato sulla pubblica opinione.

A questo proposito, MEDEL ricorda che l'art. 10, par. 2, della Convenzione europea dei diritti dell'uomo afferma espressamente che l'esercizio della libertà di espressione, "poiché comporta doveri e responsabilità, può essere soggetto a tali formalità, condizioni, restrizioni o sanzioni (....) per mantenere l'autorità e l'imparzialità della magistratura".

Medel apprende con eguale preoccupazione che in tale contesto il Supreme Judicial Council, attraverso una dichiarazione  pubblica del Juges’ College, ha preso posizione affermando che i giudici hanno “oltrepassato  il confine fra legge e giustizia”, investendo della questione l’Ispettorato del Consiglio Superiore per l’avvio dell’azione disciplinare contro i giudici componenti della Corte, e che sono stati in questi giorni nuovamente riproposti in Parlamento proposte di riforma per limitare la libertà di associazione  dei magistrati.

A fronte della grave situazione delineata dall’insieme di queste circostanze per l’indipendenza del sistema giudiziario, richiamando i principi della dichiarazione di Sofia del 17.11.2018, MEDEL ribadisce che :

-come sottolineato dal CCJ nel parere n. 18 (2015), La posizione della magistratura e la sua relazione con gli altri poteri dello stato in una democrazia moderna, “esiste un chiaro confine tra libertà di espressione e legittima critica da un lato e mancanza di rispetto e indebite pressioni sul potere giudiziario dall'altro. I politici non dovrebbero usare argomenti semplicistici o demagogici per fare critiche alla magistratura durante le campagne politiche e non devono mai incoraggiare la disobbedienza alle decisioni giudiziarie e tanto meno la violenza contro i giudici.I poteri esecutivo e legislativo hanno il dovere di fornire tutta la protezione necessaria e adeguata laddove le funzioni dei tribunali siano messe in pericolo da attacchi o intimidazioni dirette ai membri della magistratura. I commenti critici non equilibrati da parte dei politici sono irresponsabili e causano un grave problema perché la  fiducia della collettività nella magistratura può quindi essere indebitamente o deliberatamente indebolita. In tali casi, la magistratura deve sottolineare che tale comportamento costituisce un attacco alla costituzione di uno stato democratico nonché un attacco alla legittimità di un altro potere statale. Tale comportamento viola anche gli standard internazionali ”(paragrafo 52);

- i Consigli di giustizia hanno un ruolo fondamentale nella tutela l'indipendenza della magistratura e nella difesa dei singoli giudici svolgendo in modo coerente il loro ruolo di garanti; tale ruolo è cruciale per la protezione dell'indipendenza della magistratura quando la separazione dei poteri è messa in pericolo dai tentativi politici di sfruttare decisioni giudiziarie specifiche e di esercitare pressioni su singoli giudici che chiedono sanzioni e procedimenti disciplinari per il contenuto delle loro decisioni;

secondo i principi contenuti nella Raccomandazione CM / Rec (2010) 12 adottata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa sulla libertà di associazione dei giudici (p. 25) “i giudici devono essere liberi di formare e unirsi in organizzazioni professionali con gli obiettivi di garantire la loro indipendenza, tutelare i loro interessi e promuovere lo stato di diritto ”.

MEDEL invita a considerare l'impatto che situazioni analoghe a quelle sopra descritte assumono  per la tenuta complessiva dello stato di diritto negli stati membri, in linea con quanto  affermato nella Comunicazione della Commissione Europea  - COM (2019)163, del 3 aprile  2019 laddove si sottolinea che "la magistratura è di importanza fondamentale per lo Stato di diritto" e che “i tentativi da parte dei politici di minarne l'indipendenza e di non rispettare la forza vincolante delle sue decisioni - esercitando pressioni politiche o di altro tipo su singoli giudici, mediante interferenze in casi specifici, il mancato rispetto delle decisioni giudiziarie o la riapertura di decisioni giudiziarie definitive”- rappresentano segnali di allarme per lo Stato di diritto.

MEDEL rinnova il suo sostegno e la sua solidarietà ai giudici minacciati e all’Associazione dei Giudici Bulgari.

11 ottobre 2019
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.