Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
segretaria generale Md
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie

Nel confronto paziente e costante si realizza una comune assunzione di responsabilità verso la collettività rispetto alle carenze e alle disfunzioni della Giustizia, che purtroppo da tempo riscontriamo.

Il dialogo è, oggi, un percorso obbligato contro i rischi della deriva populista, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie.

È il metodo della democrazia, il riconoscimento della reciproca legittimazione ad essere interlocutori credibili sui temi della giurisdizione e non può essere relegato ad un “fatto” di sensibilità culturale o di maggiore apertura di alcuni settori della magistratura e dell’avvocatura.

Il dialogo ed il confronto sono ciò che strutturalmente richiede il nostro ruolo.

Ecco perché sorprende e preoccupa la decisione dell’avvocatura di reagire alle esternazioni del Cons. Davigo sul processo e sulle garanzie, espressamente definite “posizioni ideologiche”, non con argomenti e contenuti, ma invocando improponibili reazioni sul piano istituzionale e disciplinare.

Ci auguriamo che questa posizione da contrapposizione “strutturale” inaugurata dalla Camera Penale di Milano resti isolata nell’avvocatura.

Per quanto ci riguarda, difenderemo sempre il diritto di ognuno di esprimere liberamente il proprio pensiero, anche quando non lo condividiamo.

Ci auguriamo, però, che la magistratura sia consapevole di quanto la deriva neocorporativa e populista rischi di rafforzare questa linea di non-dialogo.

Prima ancora dell’avvocatura, dovrebbe essere infatti la magistratura ad evitare che nell’opinione pubblica si consolidi la visione di “alcuni” sulle garanzie, su processo penale e pena, sul ruolo stesso dell’intervento giudiziario come fosse il “vero punto di vista” o “il punto di vista di tutti”.

Il pluralismo culturale che rivendichiamo serve anche a questo: ad immettere nel dibattito pubblico una visione delle garanzie processuali e della difesa diversa da quella che tende a banalizzarne il valore e che rischia di delegittimarne la funzione; la consapevolezza dei limiti del nostro ruolo contro l’immagine del magistrato unico ed infallibile portatore della verità e del bene; l’attenzione ad un linguaggio corretto;  la capacità di autocritica rispetto alle pretese di autarchia, alle chiusure corporative e a tutti i rischi del populismo giudiziario.

L’arrendevolezza che da tempo caratterizza le posizioni della magistratura progressista rispetto a posizioni assunte e rappresentate nel dibattito pubblico e nel confronto con l’avvocatura in nome di tutta la magistratura da chi ha ruoli rappresentativi o istituzionali, e che avrebbero richiesto un’esplicita e netta correzione di rotta, non rappresenta solo un ostacolo sul percorso del dialogo.

A lungo andare, da strategia comunicativa o elettorale rischia di trasformarsi in vera subalternità culturale.

L’indulgenza verso chi sa ben comunicare non deve distrarci dai contenuti di ciò che si comunica.

 

31 gennaio 2020
Ultimi articoli
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 MAGGIO, GIORNO DI ALLERTA PER L'INDIPENDENZA DELLA GIUSTIZIA

Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda in questi giorni anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto, e condannato a di 10 anni in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede - Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Betta Cesqui
Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

di Mariarosaria Guglielmi
La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone
Coltivazione domestica

Canapa sul balcone: parole nette dalla Cassazione

di Riccardo De Vito
La sentenza delle Sezioni Unite ha le carte in regola per evitare un rigorismo repressivo che, sinora, ha ottenuto soltanto il risultato di allungare la catena dello spaccio. Ma adesso è indispensabile che il legislatore riprenda la parola per ridisegnare la disciplina delle droghe leggere
Ricordando Walter

Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’essere e del fare

di Olindo Canali
È già trascorso un anno da quando Walter Mapelli ci ha lasciato. Walter faceva parte della comunità di Magistratura democratica. Desideriamo ricordarlo con le parole di Olindo Canali, che ringraziamo per questo bel ritratto di Walter