Delibera rapporti PNA ed uffici pubblico ministero

ROMA -Con 17 voti favorevoli, 3 voti contrari (Racanelli, Auriemma, Giostra) e 1 astenuto (Pepe) è stata approvata la seguente delibera relativa al potere del Procuratore nazionale antimafia di ottenere copia degli atti delle indagini preliminari compiuti dal Procuratore distrettuale antimafia.

Il testo della delibera è pubblicato in calce e contiene l’emendamento dei consiglieri Racanelli, Borraccetti e Fuzio soppressivo dell’originario riferimento al disciplinare (riportato tra parentesi ed in blu nel testo che segue), emendamento accolto dal relatore.

LA DELIBERA:

27 luglio 2011
Ultimi articoli
Ricordando Walter

Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’essere e del fare

di Olindo Canali
È già trascorso un anno da quando Walter Mapelli ci ha lasciato. Walter faceva parte della comunità di Magistratura democratica. Desideriamo ricordarlo con le parole di Olindo Canali, che ringraziamo per questo bel ritratto di Walter
Dichiarazione di MEDEL

Sulle misure di emergenza per la pandemia da Covid-19

Mai, come in un periodo di emergenza, deve essere mantenuto un elevato livello di vigilanza e controllo sulle violazioni dei diritti e delle libertà fondamentali. Da parte di tutti: Istituzioni politiche, tribunali e intera comunità giuridica europea
Europa e coronavirus

Emergenza sanitaria in carcere: l'appello al Consiglio d'Europa

Il Consiglio d’Europa, nell'attuale situazione di grave crisi sanitaria, deve dare impulso a politiche che possano portare a una rapida riduzione del numero dei detenuti. A tutela dei diritti fondamentali di questi ultimi e della salute pubblica
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione