Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)

 La vicenda giudiziaria è all’inizio e si prospetta uno scontro a viso aperto tra il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e la magistratura. Il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, ha passato le carte dell’inchiesta sui migranti della nave Diciotti (le ipotesi di reato sono sequestro di persona, arresto illegale e abuso d’ufficio) al Tribunale dei ministri, Salvini ha definito l’inchiesta «una vergogna» e annunciato che non si sottrarrà al processo. Parole, quelle del ministro, che il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito, definisce «al limite dell’eversione» e che avrebbero richiesto un intervento «più netto e meno sfumato a difesa delle prerogative della magistratura» da parte del Guardasigilli, Alfonso Bonafede.

Presidente, Salvini ha dato fuoco alle polveri.

L’intervento, da parte del ministro dell’Interno Salvini, in merito all’iniziativa giudiziaria costituisce certamente un’interferenza forte. Però le posso assicurare che non sortirà alcun effetto: la magistratura è serena, ma soprattutto non pretende di sostituirsi alle prerogative di nessuno. La procura di Agrigento ha fatto il proprio lavoro, indagando sulla sussistenza di reati e seguendo tutte le procedure del caso specifico, ivi compresa la trasmissione degli atti al competente Tribunale dei ministri, una volta verificata l’ipotesi a carico del ministro.

Lei ritiene che la magistratura sia sotto attacco? Il ministro, nel rispondere all’iniziativa giudiziaria, ha chiamato in causa il consenso popolare di cui gode il governo.

Viviamo in uno stato di diritto e la nostra è una democrazia a costituzione rigida. Ribadisco questo, qualora servisse, per ricordare che l’invocazione del sostegno delle masse popolari non ha nulla a che fare con le regole stesse della nostra forma di Stato. Democrazia non significa potere della maggioranza, ma esercizio delle proprie prerogative nell’ambito delle regole poste, a partire dal principio della tripartizione dei poteri. La forza del diritto sta proprio in questo: nella tutela degli ambiti di competenza di ciascun potere, non nella legge del più forte. Il ministro Salvini dovrebbe tenerlo bene a mente, perché in futuro ciò che dice oggi potrebbe ritorcersi contro di lui.

Eppure l’iniziativa della procura ha aperto un fronte che non poteva non provocare un aspro dibattito pubblico.

Glielo ribadisco: nessun dibattito pubblico può inficiare i risultati di una indagine e nemmeno avere effetto di orientarla. I colleghi agiranno con serietà e professionalità, tanto più necessarie non tanto a causa del clima di conflitto non certo voluto dalla magistratura, ma soprattutto vista la consistenza del caso giudiziario. Non dimentichiamo che l’intera inchiesta nasce da quella che è apparsa come una grave sospensione dei diritti costituzionali delle persone a bordo della nave Diciotti. Detto questo, saranno le procure competenti a verificare la solidità delle ipotesi e a verificarne oggettivamente gli estremi.

Vede il rischio di un debordare dell’esecutivo nel potere giudiziario?

Se l’asse della giustizia si avvicinasse alla maggioranza politica invece di rimanere neutrale ci sarebbe il rischio di una riedizione di tentativi autoritari, che mettono in pericolo la convivenza civile. Per fortuna tutto questo è precluso dalla Costituzione.

Il presidente dell’Anm, Francesco Minisci, ha chiesto l’intervento del ministro della Giustizia Bonafede. Condivide?

Assolutamente sì. Le istituzioni devono avere ben chiari i confini tra poteri e soprattutto ricordare quale sia il ruolo della magistratura nel nostro Paese.

Eppure Bonafede si è espresso. Troppo poco?

Le parole del Guardasigilli sono apparse eccessivamente moderate e sfumate, soprattutto per ciò che riguarda l’autonomia della magistratura. Ci saremmo aspettati una presa di posizione più severa e più netta in favore delle prerogative del potere giudiziario e a difesa della separazione dei poteri.

Così, però, il ministro avrebbe rotto il fronte della maggioranza di governo.

Bonafede è il ministro della Giustizia e avrebbe potuto spendere parole più forti, anche a costo di rompere il fronte di unanimità del governo attorno alle esternazioni del ministro Salvini, che in alcuni casi possono apparire francamente eversive.

 

Da Il Dubbio, 28 agosto 2018
Intervista di Giulia Merlo
http://ildubbio.news/ildubbio/2018/08/28/de-vito-salvini-parole-quasi-eversive-consenso-popolare-non-ci-riguarda/

28 agosto 2018
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.