Ddl Corruzione

Canepa: "Solo un simbolo

Per combatterla serve altro"

Il ddl anticorruzione che il Senato si appresta a votare ''e' un piccolo passo di un percorso ancora tutto da fare per risollevare il paese dalle macerie.

Questo insieme di norme ha soprattutto un valore simbolico, il primo segnale di un'inversione di tendenza dopo anni in cui i vari governi sono andati in direzione opposta''. E' l'opinione di Anna Canepa, vicepresidente dell'Anm, intervistata dal quotidiano ''L'Unita'''.

L'Anm, dice, ''ha denunciato piu' volte i limiti della legge. Il piu' grave resta quello che non si e' voluto mettere mano a una disciplina organica di revisione della prescrizione. L'Europa ci aveva chiesto di rivedere anche quella''. Dopo gli scandali che hanno coinvolto le Regioni, secondo la vicepresidente dell'Anm rileva che ''ora e' molto peggio'' di Tangentopoli perché ''il malaffare non e' solo a livello di partiti ma di coscienze. Ci vuole un sussulto di responsabilità per salvare il paese. E la soluzione non puo' essere solo per via giudiziaria. Fu un errore allora. Non lo ripetiamo oggi''.


L'INTERVISTA INTEGRALE

17 ottobre 2012
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore