21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
sostituto procuratore della Repubblica presso la Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie

 

Sono nomi da non dimenticare quelli contenuti nel lungo elenco di persone che viene letto nella Giornata della memoria e dell’impegno, affinché il dolore ed il dramma di ciascun omicidio non resti una vicenda privata, ma diventi fertile memoria collettiva. 

In quell’elenco ci sono i nomi di molti magistrati, il ricordo del loro sacrificio diviene un’occasione speciale anche per noi, per rammentare il senso del nostro operare, interpellando le nostre coscienze, ben aldilà del semplice “dovere” professionale, per richiamarci ad una più autentica dimensione di “servizio”.

La giornata è anche un tempo propizio per qualche verifica.

Conviene interrogarsi, ad esempio, sulla legislazione emergenziale di tipo amministrativo-preventiva (le cd. interdittive antimafia, lo scioglimento delle rappresentanze democratiche degli enti locali) che è fondata su labili elementi di valutazione e mette in crisi diritti costituzionalmente garantiti. Ma, soprattutto, non appare per nulla efficace, contribuendo alla desertificazione sociale ed economica di aree del Paese, già impoverite da una politica locale e nazionale, incapace di investimenti strategici e di autentiche prospettive di sviluppo.

La litania sociale, dettata dallo scorrere dei tanti nomi di persone con la schiena dritta uccisi dalle mafie, deve ricordarci la complessità del fenomeno, la sua storica resilienza ad azioni di contrasto puramente repressive a cui non si accompagnino contestuali azioni sociali e politiche, capaci di risollevare territori in cui gli unici motori di sviluppo, socialmente percepiti, sono solo la criminalità organizzata e la politica corrotta e servile.

Ricordare degnamente i tanti morti di questa troppo lunga stagione, significa anche non cedere alla tentazione dei facili (e talvolta biechi) slogan e delle semplicistiche ricette, perché è solo costruendo reti e relazioni, capaci di sovvertire i sistemi di poteri dominanti che offriremo prospettive di futuro libero dalle mafie ai molti giovani che progettano altrove il loro domani.

 

21 marzo 2019
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.