D'ambrosio

Il ricordo

di Giuliano Turone

In memoria di Gerardo D’Ambrosio. 

Quando una persona è stata fondamentale per la nostra formazione umana e professionale noi ne siamo ovviamente consapevoli anche quando la persona è ancora in vita. Ma quando la persona muore, e il dolore acuisce quella consapevolezza, allora scaturiscono in noi i ricordi più preziosi. 

Oggi i miei ricordi preziosi risalgono ai primissimi anni Settanta, quando Gerardo D’Ambrosio, nel palazzo di giustizia di Milano, era un giudice istruttore affermato che si stava occupando, tra l’altro, della strage di Piazza Fontana, ma trovava anche il tempo di insegnare ai magistrati alle prime armi, tra i quali c’ero anch’io, il mestiere difficile del giudice istruttore.

Gerardo ci diceva che il magistrato inquirente deve essere scrupoloso fino all’inverosimile, e a questo proposito mi è rimasta impressa una sua frase paradossale quanto significativa:  “Quando esamini un documento devi arrivare fino all’estremo di staccare il francobollo per vedere se c’è scritto qualcosa sotto”.  Ma sottolineava anche che il magistrato inquirente deve essere umile, nel senso che deve saper mettere in discussione la sera il lavoro svolto da lui stesso durante il giorno. 

Non saprei che altro aggiungere, se non che sono fiero di essere stato, all’inizio degli anni Duemila, uno dei procuratori aggiunti della Procura della Repubblica da lui diretta.

Grazie, Gerardo, magistrato di grande limpidezza, mio carissimo e indimenticabile amico e Maestro.

Giuliano Turone


Leggi anche: Canepa: "Ci mancherà" - Il ricordo di A.Spataro


(31 marzo 2014)

31 marzo 2014
Ultimi articoli
In ricordo.

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

di Stefano Musolino
La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati
Turchia.

Lettere dai magistrati turchi

Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti