D'ambrosio

Il ricordo

di Giuliano Turone

In memoria di Gerardo D’Ambrosio. 

Quando una persona è stata fondamentale per la nostra formazione umana e professionale noi ne siamo ovviamente consapevoli anche quando la persona è ancora in vita. Ma quando la persona muore, e il dolore acuisce quella consapevolezza, allora scaturiscono in noi i ricordi più preziosi. 

Oggi i miei ricordi preziosi risalgono ai primissimi anni Settanta, quando Gerardo D’Ambrosio, nel palazzo di giustizia di Milano, era un giudice istruttore affermato che si stava occupando, tra l’altro, della strage di Piazza Fontana, ma trovava anche il tempo di insegnare ai magistrati alle prime armi, tra i quali c’ero anch’io, il mestiere difficile del giudice istruttore.

Gerardo ci diceva che il magistrato inquirente deve essere scrupoloso fino all’inverosimile, e a questo proposito mi è rimasta impressa una sua frase paradossale quanto significativa:  “Quando esamini un documento devi arrivare fino all’estremo di staccare il francobollo per vedere se c’è scritto qualcosa sotto”.  Ma sottolineava anche che il magistrato inquirente deve essere umile, nel senso che deve saper mettere in discussione la sera il lavoro svolto da lui stesso durante il giorno. 

Non saprei che altro aggiungere, se non che sono fiero di essere stato, all’inizio degli anni Duemila, uno dei procuratori aggiunti della Procura della Repubblica da lui diretta.

Grazie, Gerardo, magistrato di grande limpidezza, mio carissimo e indimenticabile amico e Maestro.

Giuliano Turone


Leggi anche: Canepa: "Ci mancherà" - Il ricordo di A.Spataro


(31 marzo 2014)

31 marzo 2014
Ultimi articoli
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore
Indagini e stampa

Calabria «smontata» dal processo mediatico

di Emilio Sirianni
Prudenza istituzionale e rispetto delle persone coinvolte, inclusi gli indagati, impongono sobrietà e cautela nelle dichiarazioni rese dai magistrati alla stampa
Genova, 34° Congresso Anm

“La nuova sfida di fedeltà alla Costituzione”

di Mariarosaria Guglielmi
Incondizionata fedeltà alla Carta fondamentale, rinnovata consapevolezza del ruolo costituzionale della giurisdizione e piena responsabilità professionale e culturale: queste le grandi sfide democratiche, che coinvolgono il futuro dell’Europa e dello Stato di diritto, sulle quali la Magistratura è chiamata ad impegnarsi collettivamente