Comunicato

Auguri a Cosimo Ferri

"Ma non abbiamo mai chiesto riequilibri"

ROMA – La disponibilità della magistratura a collaborare con le altre istituzioni per il miglioramento del servizio giustizia riguarda il confronto su proposte e non deve essere mai confusa con la richiesta d'assegnazione di incarichi politici.

Nei giorni scorsi, Cosimo Ferri, da segretario di Magistratura Indipendente, corrente all'opposizione nell'Associazione nazionale Magistrati, è diventato sottosegretario al Ministero della Giustizia e per quanto riportato dai giornali in quota Pdl. Un passaggio certamente più significativo che una candidatura politica, avvenuto, peraltro, non attraverso un percorso elettorale, ma per chiamata diretta e fiduciaria di una una parte.

In merito a questa scelta, quali rappresentanti di Magistratura democratica e del Movimento per la Giustizia – Art3, smentiamo di aver mai chiesto alcun riequilibrio alla politica, come si legge oggi su alcuni mezzi di informazione. Auguriamo a Cosimo Ferri buon lavoro, nell'interesse delle istituzioni. Ma, per parte nostra, non vogliamo essere tirati in ballo per scelte che sono e restano esclusivamente politiche.


Anna Canepa (segretario generale Magistratura democratica)

Nicola Di Grazia (segretario generale Mov. per la Giustizia- Art.3)


(5 maggio 2013)

5 maggio 2013
Ultimi articoli
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione
Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore
Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)
Rassegna

Osservatorio giustizia

Conversazione con Mariarosaria Guglielmi, segretaria di Magistratura democratica (Radio Radicale)
Per Graziana Calcagno

In ricordo di una giudice minorile

di Camillo Losana
Preparata e colta, protagonista di quella cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori per affermare i loro diritti, riassumibili nel diritto alla educazione
Carceri

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
Domina la cifra giustizialista della maggioranza. Eliminate le norme sulle misure alternative al carcere e per l'integrazione dei detenuti stranieri (Il Manifesto)