Commento

Sentenza Eternit

"Una parola di verità e giustizia"

"Oggi 13.2.2012 a Torino in una aula di giustizia – contro lo scetticismo di tanti -  è stato accertato per la prima volta al mondo che le migliaia di morti dovute alle polveri d’amianto non debbono considerarsi una dolorosa necessità del mestiere, il conto da pagare alle magnifiche sorti del progresso tecnologico; ma rappresentano una conseguenza addirittura prevista, con accettazione del rischio, di una condotta volta a conseguire profitti: con ribaltamento pieno dell’ordine di priorità imposto all’art.41 Cost. (prima la sicurezza del lavoratore, poi il profitto).

Si tratta di una verità importante che serve ad individuare responsabilità penali ed a seppellire per sempre la concezione ricattatoria del lavoro (a qualsiasi prezzo), anch’essa antitetica con quella accolta nella costituzione che vede nel lavoro un mezzo di promozione umana  e sociale e ne fa la prima garanzia per il raggiungimento di un’esistenza libera e dignitosa.   Ma un disastro come questo accertato a Torino non si produce per colpa di imprenditori soltanto. La storia dell’amianto è segnata da un’impressionante serie di diritti negati e di omissioni: di misure di protezione, di rilevazioni e di controlli; di adeguate previsioni nel sistema assicurativo obbligatorio; di pagamenti di premi da parte dei datori di lavoro; di norme e di processi.   

C’è un buco nero di omissioni durato più di 40 anni, che coinvolge larga parte della classe dirigente di questo nostro Paese.  Ci sono precise responsabilità politiche per tutto questo, come ci attesta un dibattito alla Camera del 12 luglio 1993 (vedere agli atti parlamentari); le imprese premevano perché le norme europee (dir. CEE 477/ 1983) sulla limitazione o sul divieto dell’utilizzo dell’amianto non venissero adottate tempestivamente e venissero rinviate (per circa un decennio). E c’è stata una sentenza della Corte di Giustizia della Comunità Europee nel 1990 che attesta tale inadempimento.

Oggi finalmente una parola di verità e di giustizia; a conferma che quando un diritto è stabilito a protezione di lavoratori c’è sempre molto da fare per difenderlo e renderlo effettivo; ed occorre operare in molte direzioni,  sapendo andare spesso controcorrente".

Roberto Riverso

13 febbraio 2012
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti