Commento

Sentenza Eternit

"Una parola di verità e giustizia"

"Oggi 13.2.2012 a Torino in una aula di giustizia – contro lo scetticismo di tanti -  è stato accertato per la prima volta al mondo che le migliaia di morti dovute alle polveri d’amianto non debbono considerarsi una dolorosa necessità del mestiere, il conto da pagare alle magnifiche sorti del progresso tecnologico; ma rappresentano una conseguenza addirittura prevista, con accettazione del rischio, di una condotta volta a conseguire profitti: con ribaltamento pieno dell’ordine di priorità imposto all’art.41 Cost. (prima la sicurezza del lavoratore, poi il profitto).

Si tratta di una verità importante che serve ad individuare responsabilità penali ed a seppellire per sempre la concezione ricattatoria del lavoro (a qualsiasi prezzo), anch’essa antitetica con quella accolta nella costituzione che vede nel lavoro un mezzo di promozione umana  e sociale e ne fa la prima garanzia per il raggiungimento di un’esistenza libera e dignitosa.   Ma un disastro come questo accertato a Torino non si produce per colpa di imprenditori soltanto. La storia dell’amianto è segnata da un’impressionante serie di diritti negati e di omissioni: di misure di protezione, di rilevazioni e di controlli; di adeguate previsioni nel sistema assicurativo obbligatorio; di pagamenti di premi da parte dei datori di lavoro; di norme e di processi.   

C’è un buco nero di omissioni durato più di 40 anni, che coinvolge larga parte della classe dirigente di questo nostro Paese.  Ci sono precise responsabilità politiche per tutto questo, come ci attesta un dibattito alla Camera del 12 luglio 1993 (vedere agli atti parlamentari); le imprese premevano perché le norme europee (dir. CEE 477/ 1983) sulla limitazione o sul divieto dell’utilizzo dell’amianto non venissero adottate tempestivamente e venissero rinviate (per circa un decennio). E c’è stata una sentenza della Corte di Giustizia della Comunità Europee nel 1990 che attesta tale inadempimento.

Oggi finalmente una parola di verità e di giustizia; a conferma che quando un diritto è stabilito a protezione di lavoratori c’è sempre molto da fare per difenderlo e renderlo effettivo; ed occorre operare in molte direzioni,  sapendo andare spesso controcorrente".

Roberto Riverso

13 febbraio 2012
Ultimi articoli
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione