Commento

Manifest. 12 ottobre

Stiamo seguendo con attenzione particolare il percorso delle così dette “riforme istituzionali”, il che è dire delle modifiche che si intende portare alla Costituzione.

Abbiamo dato vita a un gruppo di lavoro che ha il compito di mettere questo tema al centro del proprio lavoro di analisi, nella consapevolezza che siamo di fronte a un passaggio di grande rilevanza, che già dalle forme di intervento e dai tempi che sono stati prefigurati mostra possibili criticità. Tutta la cultura giuridica è chiamata in causa e non si è in presenza di profili che riguardino solo la magistratura o solo alcune delle sue sensibilità. Come sempre,  l’Anm e le sue componenti sono chiamate a offrire al dibattito pubblico contributi all’altezza della delicatezza dei temi coinvolti.

Dopo avere redatto un primo commento concentrato sui profili legati all’art.138 Cost., commento che ha costituito la base per il testo che Area ha reso pubblico pochi giorni fa ed è presente su questo sito, il gruppo di lavoro sta avviando un confronto più ampio e fornirà nuovi contributi quando avremo documenti su cui esprimerci. In questo contesto si colloca il breve commento che chi era presente ha dedicato alla manifestazione intitolata alla "via maestra" tenutasi a Roma il 12 ottobre.

Luigi

Cambiare il Paese, attuando la Costituzione e difendendo i diritti. Questi gli obbiettivi della manifestazione del 12 ottobre a Roma promossa da “Costituzione, la via maestra” con un appello sottoscritto da Lorenza Carlassare, Luigi Ciotti, Maurizio Landini, Stefano Rodotà e Gustavo Zagrebelsky, raccolto con grande partecipazione da una pluralità di associazioni e da molte migliaia di singoli cittadini in una piazza del Popolo gremita come da tempo non si vedeva. Forte è stato  il richiamo alla necessità di un grande impegno, ciascuno con il proprio ruolo, per la difesa dei diritti, di quelli fondamentali dei migranti, dei diritti alla dignità e alla libertà dei lavoratori, ma anche del diritto all’ambiente salubre, ai beni comuni, allo studio e alla libertà della cultura . Unanime anche la denuncia, alla quale i manifestanti si sono associati con grande partecipazione, per gli attacchi non tanto al tessuto giuridico della Costituzione, quanto allo stesso progetto di società più libera ed eguale che i padri costituenti ci hanno consegnato.

Il documento del Coordinamento di Area che si legge nel sito (è stato anche pubblicato sul sito di Articolo 21)  è in linea con i contenuti essenziali della manifestazione. Vicino è anche il linguaggio, come risalta immediatamente dal punto in cui, ricordando, la vittoria del referendum del 25 e 26 giungo 2006 contro le riforme costituzionali attuative della “bozza di Lorenzago”, ricordiamo che in tal modo la Costituzione fu nuovamente eletta “a “via maestra” e stella polare della vita pubblica e dei rapporti sociali”. Comune è anche il sentimento di un rischio di indebolimento del principio di rigidità della Costituzione, con le modifiche delle procedure di modifiche costituzionali previste dall’art. 138, che non è stato scritto per impedire il cambiamento, che quando c’è stato un ampio consenso in effetti è stato realizzato, ma per “garantire che ogni revisione del fondamentale patto di cittadinanza potesse avvenire in un contesto il più possibile simile a quello costituente: comprensivo del più ampio spettro di forze politiche – di maggioranza e soprattutto di minoranza – e svincolato dall’indirizzo politico dominante”. Oggi, invece, abbiamo un Parlamento eletto con una legge colpita da gravi sospetti di legittimità costituzionale perché fondata su “un meccanismo elettorale che rescinde il legame tra volontà popolare ed eletti e rischia di consegnare il governo a forze minoritarie.” L'idea che il referendum obbligatorio costituisca uno strumento efficace sarà tema di ulteriori valutazioni.


(15 ottobre 2013)

15 ottobre 2013
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.