Commento

Le novità positive della legge sulla corruzione

di Giovanni Palombarini

(articolo pubblicato su 'Il Mattino' di Padova)

Anche la recente legge sulla corruzione, approvata nel novembre scorso, richiede un governo operativo che realizzi quanto di buono la stessa legge prevede. Va detto infatti che il legislatore ha non solo riformato le previsioni penali (qui sono nate tante polemiche, soprattutto per il mancato ripristino del falso in bilancio), ma ha anche formulato una disciplina organica tendente alla valorizzazione delle norme costituzionali dell’imparzialità e del buon andamento della pubblica amministrazione. Si tratta di una novità rilevante, trascurata dalla generalità dei commentatori. E’ di grande importanza che si sia operata la riorganizzazione e l’integrazione delle norme amministrative in funzione di una lotta preventiva alla corruzione, puntando sia sulla trasparenza dell’azione amministrativa, sia su meccanismi di prevenzione e repressione, anche in via amministrativa, delle condotte illecite.

In sintesi, assume un ruolo centrale l’Autorità nazionale anticorruzione, organo indipendente che ha funzioni molteplici: di ausiliario del Parlamento sull’attività di prevenzione della corruzione, di collaborazione con analoghe autorità internazionali e regionali aventi gli stessi fini, di approvazione del “piano nazionale anticorruzione” predisposto dal Dipartimento della funzione pubblica, con poteri ispettivi, di vigilanza e controllo sulle misure adottate da ogni singola amministrazione. A sua volta il Dipartimento, oltre a predisporre il “piano nazionale anticorruzione” per l’Autorità nazionale, vigila poi sulla sua osservanza. E’ prevista la nomina di responsabili della prevenzione, anche nelle amministrazioni locali. Il responsabile dell’attuazione del piano seleziona i dipendenti destinati ad operare in settori più esposti. Oltre a ciò, è previsto che in caso di commissione di un reato di corruzione accertato con sentenza definitiva, il responsabile del piano di prevenzione per il settore risponda per omessa vigilanza in via amministrativa, disciplinare e contabile per il danno cagionato alla pubblica amministrazione.

Particolare rilievo è attribuito all’attuazione del principio di trasparenza dell’attività amministrativa, che costituisce, dice la legge,  livello essenziale delle prestazioni relative ai diritti sociali e civili, ai sensi dell’art. 117 comma 2 lettera m) della Costituzione. Ogni pubblica amministrazione deve dotarsi di un sito web su cui pubblicare le informazioni relative a procedimenti amministrativi, bilanci, costi unitari di opere pubbliche e produzione di servizi; e in particolare, con riguardo agli appalti, ogni informazione utile, dal bando agli operatori economici invitati, all’aggiudicatario e al prezzo di aggiudicazione. Infine la legge indica i criteri per stabilire, con apposito decreto legislativo, l’incandidabilità alle cariche elettive di parlamentare europeo, deputato, senatore, elezioni regionali, provinciali, comunali, circoscrizionali ed altri incarichi per condannati a pene superiori a due o tre anni, e il limite di 10 anni al collocamento fuori ruolo di magistrati.

Il giudizio su questa complessa parte della legge non può che essere positivo. Occorre solo osservare che in larga parte essa non è di immediata applicazione. Infatti la legge prevede ben quattro deleghe al governo per emettere decreti legislativi nelle seguenti materie:  1. riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni; 2. disciplina degli illeciti disciplinari e relative sanzioni; 3. disciplina in materia di attribuzione di incarichi dirigenziali e di incarichi di responsabilità amministrativa di vertice nelle pubbliche amministrazioni e negli enti di diritto privato sottoposti a controllo pubblico; 4. testo unico della normativa in materia di incandidabilità alle elezioni e delle  incompatibilità con le cariche di presidente e componente del consiglio di amministrazione di vari organi territoriali e aziende speciali, per condanne penali.

I primi tre decreti devono essere emessi entro sei mesi dall’entrata in vigore della legge, il quarto entro un anno. E’ dunque auspicabile che, con il nuovo governo, quale che sia, la parte della legge relativa alla prevenzione della corruzione possa trovare rapida applicazione.

15 aprile 2013
Ultimi articoli
Intervento al comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 MAGGIO, GIORNO DI ALLERTA PER L'INDIPENDENZA DELLA GIUSTIZIA

Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda in questi giorni anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto, e condannato a di 10 anni in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede - Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Betta Cesqui
Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

di Mariarosaria Guglielmi
La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone
Coltivazione domestica

Canapa sul balcone: parole nette dalla Cassazione

di Riccardo De Vito
La sentenza delle Sezioni Unite ha le carte in regola per evitare un rigorismo repressivo che, sinora, ha ottenuto soltanto il risultato di allungare la catena dello spaccio. Ma adesso è indispensabile che il legislatore riprenda la parola per ridisegnare la disciplina delle droghe leggere