Commento

Cassazione-omosessuali

"Corte tutela diritti"

La sentenza della Corte di cassazione di cui tutti parlano in questi giorni è importante sotto il profilo culturale e politico prima che per il suo rilievo meramente giuridico.

Deve essere infatti sfrondata dal significato erronemante attribuitole da alcuni esponenti politici e dai titoli di giornali e telegiornali. Non sancisce alcuna adozione a coppie omosessuali od affidamento a coppie omosessuali, non essendo questo l’oggetto del giudizio. Spiega che, all’affidamento esclusivo di un figlio ad uno dei genitori, non osta l’orientamento sessuale di costui e nemmeno che abbia deciso di coltivare una relazione od addirittura una stabile convivenza con una persona dello stesso sesso.

Una scelta di civiltà ed ancora prima di civiltà giuridica perchè frutto della constatazione che non vi sono evidenze scientifiche, nè regole di esperienza che inducano a ritenere che l’orientamento sessuale incida negativamente sulla capacità genitoriale.

Non tutti la pensano così.

Ha commentato monsignor Domenico Sigalini, presidente commissione CEI per il laicato: “non si può costruire una civiltà sui tribunali” (La Repubblica pag. 2 del 12.1.13).

Mi sembra che sia accaduto in passato e accadrà in futuro proprio così-

Nel mondo globalizzato che ha messo in crisi le istituzioni nazionali, prime fra tutte le assemblee legislative, spetta alle Corti, nazionali e sopranazionali, in un dialogo virtuoso fra loro, affermare diritti ove non esistono e tutelare i diritti quando vengono calpestati. Anzi, proprio, la giurisprudenza, nell’infinito lavoro di risolvere i casi concreti, può essere il motore per l’affermazione di una nuova stagione della democrazia che si fondi sull’universalità dei diritti, sul rifiuto della discriminazione, sul rispetto dell’individuo.

Giovanni "Ciccio" Zaccaro
segretario Md Bari

Antibiotici
12 gennaio 2013
Ultimi articoli
Intervista

“Nessuno si salva da solo...”

Stefano Musolino, membro dell’Esecutivo nazionale di Md: “la Grande Chambre della Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che l’ergastolo ostativo previsto dal nostro ordinamento penitenziario è contrario al principio della dignità umana e viola l'art. 3 della Convenzione Europea sui Diritti dell'Uomo”

In memoria di Pino Airò

Magistratura Democratica lo ricorda attraverso le parole di due amici
Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman

Dichiarazione di Medel sulle riforme del sistema giudiziario nella Repubblica di Moldavia

Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)