Catania

Convegno per Edo Gari

"Convalide e giudizio direttissimo"

dedicato a Edo Gari

 


Convalide e giudizio direttissimo

 

La riforma del procedimento di convalida dell’arresto tra efficienza della giustizia e garanzia dei diritti fondamentali della persona 

 

Catania, lunedì 19 marzo 2012, ore 16,00

Aula “Michele Papa” del Palazzo di Giustizia (sede di via F. Crispi)

 

A seguito della riforma del procedimento di convalida dell’arresto funzionale al giudizio direttissimo (D.L. 211/2011, convertito nella L. 9/2012) proponiamo un momento di analisi e di riflessione comune sul tema.

Interverranno

     Ilio Mannucci Pacini, giudice del Tribunale di Milano e coordinatore del gruppo penale di Magistratura Democratica

     Alessandra Tasciotti, pubblico ministero presso la Procura della Repubblica di Catania

     Rosario Cuteri, presidente della Prima Sezione Penale del Tribunale di Catania

     Elisabetta Zito, direttore della Casa Circondariale di Catania - Piazza Lanza.

 

Concluderà

Giovanni Salvi, Procuratore della Repubblica di Catania.


Simona Ragazzi, Magistratura Democratica Catania

Angelo Costanzo, Movimento per la Giustizia/Articolo 3 Catania

 

19 marzo 2012
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti