Carcere - Milano

Cedu e sovraffollamento

Il comunicato della Procura

Dopo la condanna dell'Italia da parte della Corte Europea dei diritti dell'Uomo per il sovraffollamento carcerario, pubblichiamo un comunicato con cui la Procura della Repubblica di Milano invita tutti i magistrati a "tenere nel massimo conto, sia in tema di misure cautelari che in fase di esecuzione, gli auspici della Cedu



PROCURA DELLA REPUBBLICA

PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO

Il Procuratore della Repubblica

 

COMUNICATO STAMPA

 

               In data odierna il Procuratore della Repubblica ha emesso il seguente provvedimento: 

 

 

SOVRAFFOLLAMENTO CARCERI.

RACCOMANDAZIONI DELLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO

 

 

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo con sentenza , Sez. II, sent. 8 gennaio 2013, Torreggiani e a. c. Italia, ric. n. 43517/09, 46882/09, 55400/09, 57875/09, 61535/09, 35315/10 e 37818/10

ha pronunciato sentenza di condanna dell’Italia, accertando nel caso concreto la violazione dell'art. 3 CEDU a danno di sette ricorrenti e, contestualmente, ingiungendo allo Stato italiano di introdurre, entro il termine di un anno dal momento in cui la sentenza della Corte sarà divenuta definitiva, "un ricorso o un insieme di ricorsi interni idonei ad offrire un ristoro adeguato e sufficiente per i casi di sovraffollamento carcerario, in conformità ai principi stabiliti dalla giurisprudenza della Corte". Durante questo termine, la Corte sospenderà le procedure relative a tutti gli altri ricorsi analoghi attualmente pendenti avanti a sé.

Richiamo l’attenzione su alcune delle considerazioni della Corte:

§ 92 La Corte osserva che lo Stato italiano a recentemente adottato misure suscettibili di contribuire a ridurre il fenomeno della sovrappopolazione  negli stabilimenti penitenziari e le conseguenze di questa situazione. La Corte apprezza i passi compiuti dalle autorità nazionali e non può che incoraggiar lo Stato italiano a proseguire i suoi sforzi. Tuttavia è inevitabile contattare che, malgrado gli sforzi sia legislativi che logistici intrapresi dall’Italia nel 2010, il tasso nazionale di sovrappopolazione rimane elevato nell’aprile 2012( essendo passato dal 151% del 2010 al 148% del 20129. La corte Osserva che questo modesto bilancio è tanto più preoccupante perché il piano di intervento di emergenza elaborato dalla autorità nazionali ha una durata limitata nel tempo, dal momento che la fine dei lavori di costruzione di nuovi stabilimenti penitenziari è prevista per la fine dell’anno 2012 e che le disposizioni in materia di esecuzione della pena, che hanno un carattere straordinario sono applicabili fini alla fine del 2013 ( § 27 supra) N.d.r Il § 27 menziona la legge 199/2010

§95  Non spetta alla Corte indicare agli Stati le disposizioni che concernono la politica penale e l’organizzazione del sistema penitenziario. Queste scelte sollevano un certo numero di complesse questioni di ordine giuridico e pratico che, in linea di principio,   vanno al di là della funzione giudiziaria della Corte. Tuttavia la Corte desidera  ricordare in questo contesto le raccomandazioni del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa che invitano gli Stati a sollecitare i procuratori e i giudici a ricorrere  nella misura più larga possibile alle misure alternative alla detenzione e a riorientare la loro politica penale verso un minore ricorso alla carcerazione nella finalità, tra l’altro, di risolvere il problema  della crescita della popolazione carceraria ( si vedano in particolare le raccomandazioni del Comitato dei Ministri Rec (99)22 e Rec (2006)13).

 

Sono certo che tutti i magistrati della Procura della Repubblica di Milano terranno nel massimo conto,sia in tema di misure cautelari che in fase di esecuzione, gli auspici della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo

Milano 15 gennaio 2013

Il Procuratore della Repubblica

Edmondo Bruti Liberati

16 gennaio 2013
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017