Carcere

Documento - Congresso

"Valutare rinvio obbligatorio pena"

COMUNICATO STAMPA

DOCUMENTO MD: CARCERI, SOSTENERE IPOTESI RINVIO OBBLIGATORIO ESECUZIONE PENA DETENTIVA QUANDO CONDIZIONI NON GARANTISCANO DIGNITA' CONDANNATI

ROMA, 30 GENNAIO 2013 - L’emergenza del sovraffollamento è solo la manifestazione più evidente e drammatica della questione carceri. Non è, dunque, immaginabile alcuna seria riforma penitenziaria al di fuori di un più ampio intervento riformatore sul sistema penale, che  parta dal ripensamento del catalogo dei delitti e di quello delle pene. 

La Costituzione impone che la pena detentiva sia  finalizzata alla rieducazione del condannato e l’ordinamento processuale vuole che il ricorso alla custodia cautelare in carcere sia l’extrema ratio. L’utilità della pena detentiva non può prospettarsi tutte le volte che essa non sia una risposta necessaria al reato e quando la sua espiazione avvenga in condizioni  che –di fatto- non garantiscano alcun serio percorso rieducativo. E’, invece, indiscutibile che alcune leggi entrate in vigore negli anni passati abbiano avuto come effetto di produrre più carcere  e meno misure alternative al carcere. E’ ormai urgente superare quella stagione, attingendo a proposte di riforma più e meno recenti, che meritano convinta adesione. Ma anche la previsione della pena detentiva quale fulcro dell’intero sistema sanzionatorio deve essere cancellata, prendendo atto dell’esperienza che dimostra che le maggiori percentuali dei recidivi si contano tra coloro che non accedono alle misure alternative. Un nuovo sistema di pene diverse da quella detentiva, peraltro, ha bisogno, per poter funzionare, di una profonda integrazione tra amministrazione della giustizia,  rete dei servizi territoriali e privato sociale, volta in modo particolare al recupero dei soggetti appartenenti alle fasce di marginalità compra generico amoxil sociale.

La situazione attuale delle nostre carceri chiama in causa non solo la politica, ma anche l’amministrazione penitenziaria. Non si tratta solo di disporre di risorse aggiuntive, ma anche di riqualificare gli interventi, privilegiando i settori del trattamento e del lavoro, della esecuzione penale esterna, della ristrutturazione degli ambienti detentivi, finalizzata –quest’ultima- non solo al recupero di maggiore capienza, ma soprattutto alla realizzazione di un modello detentivo radicalmente diverso da quello attuale, in base al quale la giornata dei soggetti ristretti risulti impegnata nello svolgimento di attività di formazione, di studio o di lavoro e, per effetto del quale, sia effettivamente affermata la legalità nei nostri istituti di pena. 

L’ipotesi che possa essere, per legge, stabilito il rinvio obbligatorio della esecuzione della penadetentiva nei casi in cui essa si svolgerebbe in condizioni tali da non garantire il rispetto della dignità dei condannati, per essere esaurita la capienza regolamentare degli istituti di pena (cosiddetto numero chiuso degli ingressi), merita di essere sostenuta, in quanto razionale e non ispirata da permissività. La disciplina dell’istituto potrebbe essere completata con esclusioni della sua applicazione nei casi di condanna per determinate tipologie di reati oppure di espiazione di pene detentive superiori ad una determinata soglia, e con  applicazione di cautele per i soggetti ritenuti particolarmente pericolosi.

Queste proposte, assieme ad altre,  fanno parte di un documento su pena e carcere, elaborato da Magistratura Democratica, che sarà al centro della discussione del Congresso di Md, al via domani a Roma e in corso fino al 3 febbraio.

(30 gennaio 2013)

30 gennaio 2013
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017