Carcere Cedu

Condanna all'Italia

"Trattamento inumano"

Pubblichiamo un commento di Marcello Bortolato, magistrato di sorveglianza, sulla sentenza con la quale la Corte Europea dei diritti dell'Uomo ha condannato l'Italia per il sovraffollamento delle carceri. Il tema sarà ripreso in occasione del Congresso di Md, durante la sessione dedicata al carcere. A margime sarà proiettata una selezione del webdoc "Inside Carceri" realizzato da Antigone e Next New Media, di cui anticipiamo un video sul carcere di Sollicciano, Firenze

di MARCELLO BORTOLATO

Trattamento inumano. Con questo verdetto la Corte europea dei diritti umani ha condannato il nostro Paese a pagare 100 mila euro per danni morali a sette detenuti nelle prigioni di Busto Arsizio e di Piacenza. La sentenza è stata resa nota lunedì, ma era attesa. L'Italia è stata invitata, inoltre, a porre rimedio immediatamente al sovraffollamento carcerario.

Ma la novità più importante è che la Corte invita il nostro Paese a dotarsi, entro un anno, di un sistema di ricorso interno che dia modo ai detenuti di rivolgersi ai tribunali italiani per denunciare le proprie condizioni di vita nelle prigioni e avere un risarcimento per la violazione dei loro diritti. A dire il vero questo ‘tribunale’ esiste già: è la Magistratura di sorveglianza, basterebbe per esempio attribuire efficacia esecutiva alle sue decisioni in materia di violazione dei diritti ovvero dotarla di strumenti e risorse efficaci.

Anche per l’importo del risarcimento (ben 100.000 euro) il tema è davvero serio e soprattutto da oggi sarà ‘vietato fare campagna elettorale sulla pelle dei detenuti’ come ha subito il Ministro Severino che si è detta 'avvilita ma non sorpresa', confermando ancora di più la gravità della situazione.

Nei programmi elettorali in materia di giustizia ci si dovrà dunque aspettare che venga inserita una proposta efficace da attuare entro un anno per rispondere alla CEDU perché ‘lo vuole l’Europa’ come spesso si è fatto da anni per altre questioni. In attesa di leggere le motivazioni è questa l’occasione per ora di ricordare ancora una volta le reiterate denunce sulle drammatiche condizioni di sovraffollamento in cui versano gli istituti penitenziari italiani. 

(09/01/2013)

9 gennaio 2013
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti