Carcere Cedu

Condanna all'Italia

"Trattamento inumano"

Pubblichiamo un commento di Marcello Bortolato, magistrato di sorveglianza, sulla sentenza con la quale la Corte Europea dei diritti dell'Uomo ha condannato l'Italia per il sovraffollamento delle carceri. Il tema sarà ripreso in occasione del Congresso di Md, durante la sessione dedicata al carcere. A margime sarà proiettata una selezione del webdoc "Inside Carceri" realizzato da Antigone e Next New Media, di cui anticipiamo un video sul carcere di Sollicciano, Firenze

di MARCELLO BORTOLATO

Trattamento inumano. Con questo verdetto la Corte europea dei diritti umani ha condannato il nostro Paese a pagare 100 mila euro per danni morali a sette detenuti nelle prigioni di Busto Arsizio e di Piacenza. La sentenza è stata resa nota lunedì, ma era attesa. L'Italia è stata invitata, inoltre, a porre rimedio immediatamente al sovraffollamento carcerario.

Ma la novità più importante è che la Corte invita il nostro Paese a dotarsi, entro un anno, di un sistema di ricorso interno che dia modo ai detenuti di rivolgersi ai tribunali italiani per denunciare le proprie condizioni di vita nelle prigioni e avere un risarcimento per la violazione dei loro diritti. A dire il vero questo ‘tribunale’ esiste già: è la Magistratura di sorveglianza, basterebbe per esempio attribuire efficacia esecutiva alle sue decisioni in materia di violazione dei diritti ovvero dotarla di strumenti e risorse efficaci.

Anche per l’importo del risarcimento (ben 100.000 euro) il tema è davvero serio e soprattutto da oggi sarà ‘vietato fare campagna elettorale sulla pelle dei detenuti’ come ha subito il Ministro Severino che si è detta 'avvilita ma non sorpresa', confermando ancora di più la gravità della situazione.

Nei programmi elettorali in materia di giustizia ci si dovrà dunque aspettare che venga inserita una proposta efficace da attuare entro un anno per rispondere alla CEDU perché ‘lo vuole l’Europa’ come spesso si è fatto da anni per altre questioni. In attesa di leggere le motivazioni è questa l’occasione per ora di ricordare ancora una volta le reiterate denunce sulle drammatiche condizioni di sovraffollamento in cui versano gli istituti penitenziari italiani. 

(09/01/2013)

9 gennaio 2013
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019