Art 18

Documento Md lavoro

"Riforma contro i lavoratori"

L’ennesima riforma contro i lavoratori.

La riforma studiata dal governo Monti rappresenta l’ennesimo, e forse definitivo, passo indietro nella tutela dei diritti dei lavoratori, questa volta attraverso un attacco diretto all’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori.

Nonostante la grave crisi occupazionale, la immobilità decennale dei salari, le forti dosi di flessibilità, la compressione delle prerogative sindacali, l’art. 18 continuava ad essere strumento e simbolo della tutela di chi lavora.

Adesso anche questo baluardo sarà eliminato e insieme ad esso la forza dei lavoratori di far valere i propri diritti perché il pericolo di perdere il posto di lavoro, pur senza alcuna legittima giustificazione, non solo diventa concreto ma anche irrimediabile.

La riforma illustrata dai componenti del governo non è chiara nei suoi contenuti, è anzi confusa, specie sulle nuove tutele che afferma di riconoscere ai lavoratori.

La nullità dei licenziamenti discriminatori e il diritto alla reintegra, a prescindere dalle dimensioni dell’impresa, fanno parte del nostro ordinamento fin dalla legge 108/1990 e il limite dei 36 mesi come tetto di legittimità dei contratti a tempo determinato è fissato da tempo nel decreto legislativo 368/2001.

La riforma del 2012 cancella del tutto la reintegra nei casi di licenziamenti per motivi economici.

Cancella la reintegra nei licenziamenti per giusta causa e giustificato motivo soggettivo, eccetto i casi in cui il lavoratore non abbia commesso il fatto o abbia commesso un fatto punibile, in base al contratto collettivo, con sanzione conservativa.

La riforma cancella la reintegra per i licenziamenti intimati in costanza di malattia o a causa della inidoneità fisica o psichica del lavoratore.

La riforma cancella la reintegra nei licenziamenti irrogati senza  forma scritta e persino senza possibilità di esercitare il diritto di difesa, secondo la procedura prevista dall’art. 7 dello Statuto dei Lavoratori.

Chi è stato licenziato illegittimamente, cioè in contrasto con le previsioni di legge, non avrà più diritto di tornare in fabbrica, di riprendere il lavoro, di essere ricollocato nella originaria postazione.

Ha definitivamente perso il diritto al lavoro e riceverà, in cambio, una indennità risarcitoria pari ad alcune mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto.

Per andare incontro alle esigenze e richieste del mondo imprenditoriale, la riforma Monti trasforma il diritto al lavoro in un indennizzo, un costo che le aziende potranno preventivare e monetizzare, e rispetto al quale, probabilmente, anche il problema della insindacabilità delle scelte imprenditoriali e dei tempi lunghi della giustizia del lavoro (ignorati dalla riforma) passeranno in secondo piano.

Che tutto questo possa conciliarsi con l’art. 41 comma 2 della Costituzione e, prima ancora, con il lavoro come fondamento della Repubblica democratica, con la dignità del lavoro e dei lavoratori,  sembra davvero impossibile.

Magistratura Democratica esprime forte contrarietà ai contenuti di una riforma che si annuncia gravemente sbilanciata in danno dei lavoratori e dei loro diritti.



Dott.ssa Carla Ponterio – Dott. Roberto Riverso      Gruppo Lavoro MD

23 marzo 2012
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti