Articolo 18

Comunicato Md lavoro

''Solidarietà manifestazione Fiom''

COMUNICATO MD LAVORO

L’art. 18 rappresenta nel nostro sistema un baluardo essenziale per l’esercizio dei diritti dei lavoratori. E’ fin troppo facile immaginare con quale forza i lavoratori potrebbero esercitare i loro diritti, tutti quelli sanciti nelle tante disposizioni di legge, rivendicare il rispetto delle norme di sicurezza, il diritto ai riposi, ad una retribuzione dignitosa, l’esercizio delle prerogative sindacali, se rischiassero di perdere il lavoro, anche senza giusta causa, potendo contare al più su un indennizzo pecuniario. L’art. 18 è in grado di dare una protezione effettiva contro i licenziamenti illegittimi perché attribuisce ai lavoratori il diritto, in caso di recesso ingiustificato, di riprendere il lavoro, di tornare in fabbrica, di essere rimessi nella originaria postazione.

Eliminare l’art. 18 non solo non appare utile a stimolare la crescita e l’occupazione, come dimostrano l’attuale elevato tasso di disoccupazione e la percentuale altissima di flessibilità che ormai caratterizza i rapporti di lavoro, ma rischia di provocare, in uno con la compressione delle prerogative sindacali, un definitivo sbilanciamento del nostro sistema verso obiettivi di produttività e competitività, ed a discapito dei diritti fondamentali, quali il diritto al lavoro e alla dignità del lavoro stesso, senza i quali nessuna crescita, nel senso sociale del termine e nella direzione voluta dai nostri Costituenti, è concepibile.

Magistratura democratica guarda con seria preoccupazione alle proposte di riforma del diritto del lavoro che includano l’abolizione dell’art. 18 dello Statuto o anche solo la limitazione della sua operatività ed esprime solidarietà alla Fiom che con la manifestazione nazionale del 9 marzo 2012 porta avanti una importante battaglia a tutela dei diritti dei lavoratori. 


Magistratura Democratica - Gruppo Lavoro
Carla Ponterio  Roberto Riverso

8 marzo 2012
Ultimi articoli
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore
Indagini e stampa

Calabria «smontata» dal processo mediatico

di Emilio Sirianni
Prudenza istituzionale e rispetto delle persone coinvolte, inclusi gli indagati, impongono sobrietà e cautela nelle dichiarazioni rese dai magistrati alla stampa
Genova, 34° Congresso Anm

“La nuova sfida di fedeltà alla Costituzione”

di Mariarosaria Guglielmi
Incondizionata fedeltà alla Carta fondamentale, rinnovata consapevolezza del ruolo costituzionale della giurisdizione e piena responsabilità professionale e culturale: queste le grandi sfide democratiche, che coinvolgono il futuro dell’Europa e dello Stato di diritto, sulle quali la Magistratura è chiamata ad impegnarsi collettivamente