Archivio

"Come eravamo"

I documenti della storia di Md/1

La rubrica “come eravamo” non vuole essere un insieme di ricordi del bel tempo andato, un’espressione di nostalgia a fronte della durezza dei tempi presenti. Al contrario. Vuole affiancarsi, con un’altra veste, alle ricostruzioni storiche già tentate da alcuni e alle testimonianze orali.

Così, sarà le sede nella quale, attraverso un succedersi di brevi citazioni  - gli avvenimenti, i documenti -  sarà possibile ripercorrere la lunga storia, fatta di lotte, successi e sconfitte, di un’organizzazione che ormai da mezzo secolo opera per la democratizzazione della magistratura italiana e per la realizzazione di una giustizia coerente con la promessa di emancipazione scolpita nell’articolo 3 della Costituzione della Repubblica.

Alle citazioni non si accompagneranno commenti. I curatori del sito di Md sono infatti convinti che ogni lettore sarà in grado di farsi liberamente un’idea dl significato dei fatti.


I DOCUMENTI:

9 febbraio 2011
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017