Migranti

Aquarius: la dichiarazione di Medel

La decisione di non autorizzare l’approdo nei porti italiani della nave di soccorso umanitario Aquarius rappresenta una grave ferita ai valori che fanno parte del patrimonio morale e spirituale dell’Unione Europea

Il dramma del fenomeno migratorio e le tragedie che si consumano tutti i giorni nel nostro Mediterraneo richiedono all’Europa e a tutti gli Stati membri di tener fede alle promesse scritte nella Carta dei diritti fondamentali: l’impegno a mettere la persona al centro dell’azione dell’Unione Europea; l’assunzione di fronte alla comunità umana e alle generazioni future delle responsabilità e dei doveri perché sia a tutti garantito il godimento dei diritti fondamentali.

Oggi, come tante altre volte ha fatto in passato, Medel ricorda che da questo impegno discende la solidarietà quale «valore indivisibile ed universale» sul quale si fonda l’Unione.

La solidarietà non è un auspicio né un’utopia: è il percorso che l’Europa e tutti gli Stati membri si sono impegnati a percorrere per tutelare l’inviolabilità della dignità umana.

Con il rifiuto di consentire l’attracco nei porti italiani della nave Aquarius, con a bordo 629 profughi − fra i quali 123 minori non accompagnati e 7 donne in stato di gravidanza − tratti in salvo con l’intervento della Guardia costiera italiana, la loro sorte è stata affidata all’esito incerto di una sfida alla “solidarietà comune” lanciata agli altri Paesi, in nome della sicurezza e di prevalenti interessi nazionali.

Medel ritiene che invocare il dovere di solidarietà di tutti gli Stati europei per chiudere i porti ai migranti soccorsi in mare rappresenti una inversione morale di questo valore, che è in conflitto con gli obblighi derivanti dai principi e dalla normativa internazionale che pongono come assoluta priorità la salvezza delle persone.

Medel darà sempre il suo supporto a coloro che, anche rischiando la vita per soccorrere i profughi in mare, operano per questi principi e per questo ha proposto l’assegnazione all’Ong “Open Arms” del Premio Václav Havel per i Diritti umani dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa.

La decisione del Governo spagnolo di porre fine alla situazione di inaccettabile incertezza per la sicurezza e la sorte dei migranti a bordo dell’Aquarius riafferma tale priorità e valori di solidarietà che devono guidare l’azione dell’Europa e di tutti gli Stati membri nel sostenere i Paesi in prima linea nell’affrontare i flussi migratori, e nel cooperare per il soccorso e per l’accoglienza dei profughi e dei richiedenti asilo.

Gli interventi umanitari ci riportano all’interno degli unici confini che non devono essere mai varcati: non quelli tracciati con l’uso strumentale delle paure a tutela degli Stati sovrani, ma quelli dell’Europa come luogo di diritti, di pari dignità ed opportunità per tutti.

*La dichiarazione di Medel in lingua Inglese e Francese

**La foto di copertina è tratta dalla pagina Facebook di Sos Mediterranée

15 giugno 2018
Ultimi articoli
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione
Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore
Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)
Rassegna

Osservatorio giustizia

Conversazione con Mariarosaria Guglielmi, segretaria di Magistratura democratica (Radio Radicale)
Per Graziana Calcagno

In ricordo di una giudice minorile

di Camillo Losana
Preparata e colta, protagonista di quella cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori per affermare i loro diritti, riassumibili nel diritto alla educazione
Carceri

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
Domina la cifra giustizialista della maggioranza. Eliminate le norme sulle misure alternative al carcere e per l'integrazione dei detenuti stranieri (Il Manifesto)