Anticorruzione

Canepa: "Buon risultato

ma servono altri passi avanti"

«Si può sempre fare di più. C’è la necessità di fare ancora passi avanti, ma bisogna anche ammettere che il meglio è nemico del bene. Va riconosciuto che la nuova legge anticorruzione è un buon risultato», Anna Canepa, sostituto procuratore della Direzione nazionale antimafia e segretario generale di Magistratura democratica, rilancia subito. Ma intanto incassa:
 «Ora c’è uno strumento più efficace per una strategia complessiva contro la criminalità».

Qual è il punto più qualificante di questo provvedimento?
«Per la mia esperienza, ottima l'incentivazione a chi collabora. Per scoprire reati così difficili è indispensabile il ruolo di chi si dissocia. Inutile nasconderlo: chi lo fa non è animato solo dal pentimento interiore o da, nobili motivi, ma anche dal suo personale tornaconto».

Che però consente di disarticolare reti di connivenze molto estese, come dimostra la sua esperienza di magistrato impegnato nelle inchieste contro la criminalità organizzata...

«Tutte le inchieste sulla criminalità lo dimostrano: questo è un meccanismo indispensabile per scardinare silenzi, collusioni ed omertà e per far emergere reati che sarebbero destinati a rimanere sommersi».

E qual è la cosa che la lascia più perplessa?
«L'aumento delle pene va bene. Ma io non sono mai stata convinta che alzandole all'infinito si ottenga un effetto dissuasivo. Rimango dell'opinione che la certezza della pena stessa sia un deterrente molto più efficace. Anche se aver alzato l'asticella consente l'utilizzo di strumenti processuali come le intercettazioni telefoniche e anche questo è un elemento sostanzialmente positivo».

Il premier Renzi ha spiegato che, in questo modo, viene di fatto vanificata la prescrizione in questo ambito di reati.
«Le pene sono state alzate per portare, come effetto di trascinamento, a un allungamento dei tempi della prescrizione. Ecco, io sarei stata più contenta se la riforma della prescrizione fosse stata affrontata, finalmente e una volta per tutte, in maniera complessiva. La proposta dei magistrati è sempre sul piatto: non deve più decorrere intervenuto il primo grado di giudizio».

C'è il ritorno del falso in bilancio...
«Anche questo è un tassello del mosaico estremamente positivo, dopo i provvedimenti del passato avevano portato a una sostanziale depenalizzazione di questo reato. Molto positivi anche i limiti di accesso al patteggiamento: aver previsto la restituzione del maltolto prima di poter accedere allo sconto di pena è una novità che va senza dubbio nel senso giusto».


(intervista pubblicata su La Stampa e Secolo XIX il 22 maggio 2015)

22 maggio 2015
Ultimi articoli
Migrazioni Lgbti

Convegno Verona, burocrazia e paura non facciano trionfare la cultura dell’intimidazione

Dopo lo stop del rettore, colpiti come magistrati e cittadini dalla derubricazione di diritti fondamentali delle persone a «temi politicamente ed eticamente controversi»
L'iniziativa

Rieti, la squadra di Magistratura democratica in campo nel “Torneo Giustizia”

di Rocco Maruotti
Una nuova “avventura calcistica” per la rappresentativa di Md, all’insegna, ancora una volta, dei valori della lealtà e della solidarietà
Elezioni CSM

Sanlorenzo: il Consiglio non sia mero organo amministrativo

Su La Stampa l'intervista alla candidata per Area, gruppo dei magistrati progressisti
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.