25 aprile

Magistrati e Resistenza

Storie da non dimenticare

di CARLO BRUSCO

Oggi è il 25 aprile e credo che possiamo celebrare questa ricorrenza anche ricordando i nomi dei magistrati (almeno 16) caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti. Si tratta di Dino Col, Pasquale Colagrande, Francesco Drago, Carlo Ferrero, Mario Finzi, Mario Fioretti, Vincenzo Giusto, Giuseppe Garribba, Cosimo Mariano, Cosimo Orru, Nicola Panevino, Pier Amato Perretta, Pasquale Saraceno, Vittorio Scala e Mario Tradardi oltre al vice pretore di Alba, Viglino. Credo ve ne siano altri e mi scuso per le possibili omissioni. Vorrei però aggiungere il nome di Emilio Sacerdote che non era più magistrato perché si era dimesso volontariamente prima dell’entrata in vigore delle leggi razziali. Sacerdote partecipò alla resistenza e, dopo essere stato catturato, fu deportato prima a Flossemburg e poi a Bergen Belsen dove morì, per gli stenti patiti, qualche settimana dopo essere stato liberato dagli alleati non senza aver dimostrato, durante la sua prigionia, il suo coraggio e il suo valore.

Altri  magistrati (tra i quali Giovanni Colli e Luigi Bianchi D’Espinosa, che nel dopoguerra ricopriranno posizioni di prestigio all’interno dell’organizzazione giudiziaria) abbandonarono il posto di lavoro e si collegarono ai movimenti della resistenza o agli alleati e altri dodici lasciarono il servizio. Gli studiosi ricordano anche che circa cinquanta magistrati collaborarono in vario modo, pur continuando a lavorare negli uffici giudiziari, con le forze della resistenza. Si ricorda ancora che alcuni giudici del Tribunale di Gorizia furono destituiti dall’autorità germanica per essersi rifiutati di applicare la pena di morte secondo le direttive dell’autorità occupante. Del resto generalizzato fu il rifiuto dei magistrati di presta il giuramento di obbedienza alla Repubblica di Salò tanto che il ministro Pisenti prese atto della situazione e sospese l’efficacia del decreto che aveva imposto tale obbligo.           

Queste vicende confermano come, in questo tragico periodo, i giudici (in particolare quelli di merito) non si dimostrarono, in linea di massima, strumento passivo nelle mani del potere e, a rischio della loro stessa vita, cercarono di attuare i principi di legalità che la stessa Rsi non disconosceva in astratto ma che, nella pratica, i suoi aderenti violavano quotidianamente con arresti illegali, esecuzioni, rappresaglie e con atti di violenza compiuti anche nelle aule di giustizia e negli uffici del ministero della giustizia. Vorrei anche ricordare il nome di un magistrato, Emilio Ondei, che, dopo aver fatto parte della redazione della rivista Il diritto razzista, durante il regime di Salò “assumerà posizioni di coraggiosa opposizione ai nazifascisti, annullando, come pretore, arresti illegali e rischiando a sua volta la cattura” (sono parole di G. Scarpari).

Come frequentemente era avvenuto prima della guerra la più parte degli alti gradi della magistratura si adeguò presto, invece, ai principi del nuovo regime prestando il giuramento, collaborando attivamente con esso  e ottenendo posti di prestigio che la carenza di magistrati e la creazione, a Brescia, di tre sezioni della Corte di cassazione (due civili e una penale) aveva reso disponibili. Naturalmente, finita la guerra, i magistrati che avevano occupato i vertici dell’amministrazione giudiziaria della Rsi giustificarono in vario modo la loro adesione al regime  evidenziando gli atti da loro compiuti diretti a proteggere magistrati invisi al regime. Va però ricordato che anche Salvatore Messina, primo presidente f.f. dalla Corte di cassazione di Roma (ancora sotto l’occupazione tedesca) preannunziò al ministro che la grande maggioranza, se non la totalità, dei magistrati della cassazione si sarebbe astenuta dall’aderire all’invito di prestare giuramento al regime.

*(le notizie sono tratte dagli scritti di G. Focardi, P. Saraceno e G. Scarpari)
 

(25 aprile 2014)

27 aprile 2014
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti